BianchiMethanolCVCover

Prova Bianchi Methanol CV

La nuova crosscountry di Treviglio è una macchina da gara rigida e reattiva. Countervail e reggisella sottile aiutano a contenere le vibrazioni

Pubblicato sabato 13 agosto 2016 · da
LIVE RIDE

LIVE

La seconda generazione della Methanol (leggi qui la nostra prova della versione precedente) dice addio alle ruote da 27.5” e (per ora) anche alla sospensione posteriore. Per il 2017 è infatti prevista un’unica configurazione front 29”.

BianchiMethanolCV00027

Con le 26” (leggi qui la nostra comparativa 26” / 27,5” / 29”) relegate da tempo al ruolo di entry level economiche, sembra che per il crosscountry la tendenza a preferire le ruote da 29″ continui. Merito dell’evoluzione delle geometrie, in particolare dei tubi sterzo sempre più schiacciati (quello della nuova Methanol in taglia 48 misura 5 mm in meno), che fanno sì che l’avantreno non sia eccessivamente alto, a beneficio dei biker più bassi.

Tra le altre novità in tema di geometrie la Methanol CV presenta un carro posteriore più corto di ben 8 mm (ora sono 429) rispetto alla versione precedente e più largo, con la battuta posteriore che arriva al nuovo standard di 148 mm (prima 142). Ciò consente una campanatura dei raggi più larga, oltre alla possibilità di montare pneumatici di sezione maggiore e quindi una ruota più rigida e una bici più reattiva.

Bianchi non ha ceduto alla tentazione di aumentare l’angolo di sterzo (che rimane di 71°) come la moda all mountain suggerisce, rimanendo fedele alla filosofia crosscountry. Nuova sulla Methanol è la scritta CV che campeggia sul tubo orizzontale, sigla dell’ormai noto materiale viscoelastico Countervail, caposaldo del marketing Bianchi: serve per smorzare gran parte delle vibrazioni trasmesse dalle asperità del terreno e viene già utilizzato per i telai Infinito, Aquila, Specialissima e Oltre XR4.

BianchiMethanolCV00013

Il reggisella ha un diametro di 27.2 mm, piuttosto sottile per favorire la tolleranza verticale e quindi il comfort. Tutti i cavi, compreso quello dell’eventuale reggisella telescopico, passano all’interno dei tubi del telaio. Previsto l’attacco “high direct mount” del deragliatore anteriore, con supporto rimovibile per trasmissioni monocorona. I forcellini del carro, come già sulla Oltre, sono in carbonio. Quattro le taglie disponibili: 15”, 17”, 19” e 21” (S, M, L, XL) e tre le colorazioni previste, ossia nero e giallo, nero e argento lucido e celeste Bianchi con profilo nero.

Gli allestimenti della nuova Methanol CV, che arriverà nei negozi Bianchi a settembre, con prezzi non ancora svelati, sono sei:
9.0 con gruppo elettronico Shimano XTR Di2 2×11 e forcella Rock Shox RS-1;
9.1 con gruppo Sram XX1 Eagle 1×12 e forcella Fox 32 SC;
9.2 con gruppo Shimano XTR 1×11, forcella Fox 32 SC;
9.3 con gruppo elettronico Shimano XT Di2 2×11, forcella Formula Thirty3;
9.4 con gruppo misto Sram X01/X1 1×11 e forcella Fox 32 SC;
9.5 con gruppo Shimano XT 2×11 e forcella Fox 32 SC.

Articoli correlati

Continua...qurano46c_01

Test Vittoria Qurano G+

L'abbinata G+ composta da ruote Qurano 46 e tubolari Corsa Speed ha fatto bella figura: scorrevolezza, efficacia, feeling...
05 dicembre 2016
Continua...canyon-endurace-48

Test Canyon Endurace CF SLX 9.0

Tante promesse, e pesanti, ma la Endurace si dimostra all'altezza delle aspettative.
21 novembre 2016
Continua...de-rosa-sk-pininfarina-53

Prova De Rosa SK Pininfarina

Ideata per i cultori del Made in Italy, punta su finiture, componentistica e design.
14 novembre 2016
Continua...grc_puntaala_2016_010

Prova Ritchey Swiss Cross. Idillio alla Gravel Road Challenge

Una storia d'amore nata fra le vigne toscane, in un weekend di nuvole dense e cucina impegnativa.
03 novembre 2016