OlympiaBullit_2016_03

Prova Olympia Bullet 27.5″ Plus Race GX1

Da Cross Country a Trail il passo è breve, tanto che per compierlo basta indossare scarpe dalle "suole" più grosse. Si perde un pelo di scorrevolezza e si sbuffa un po' di più, ma i sassi si trasformano in velluto e tutto diventa più facile

Pubblicato giovedì 31 marzo 2016 · da
LIVE RIDE

La Bullet 100 è la full suspended di punta della famiglia Cross Country Olympia. Insieme alla front Iron è la bicicletta utilizzata degli atleti del team, quella su cui preferiscono pedalare soprattutto nelle Marathon. Accanto alla versione da 29” è stata presentata quest’anno anche la 27,5” Plus, sull’onda del trend che  ha visto tutte le maggiori Case mettere in catalogo almeno un modello con il nuovo schema di ruote cosiddette mid-fat (leggi il nostro articolo con le migliori “Plus” del mercato). Nel caso specifico la Bullet+ monta cerchi Miche Plus con assi da 15 e 12 mm anteriore e posteriore e pneumatici Vee Rubber Trax Fatty TNT da 2,8”.

Con la sorella “normodotata” divide tecnologie e materiali, a partire dal telaio Made in Italy: un monoscocca in fibra di carbonio Toray (T1000, T800S e M40J a seconda delle zone) con passaggio cavi interno. L’attacco della pinza del freno sul fodero basso è DirectMount, così da permettere una maggiore libertà in caso di montaggi aftermarket; i forcellini sono anodizzati e protetti da placchette integrate e la scatola movimento è di tipo PressFit BB30.

OlympiaBullit_2016_10Come tutti i telai di alta gamma Olympia anche quello della Bullet è frutto di studi morfologici, di postura e di prove sul campo; inoltre la particolare geometria (360 Fit Advanced) è pensata per garantire la posizione che garantisce le migliori prestazioni ed è ottimizzata anche in funzione dei componenti nuovi che le Case introducono ogni anno. Il carro posteriore è sviluppato secondo l’Active Rear Design per rispondere in modo dinamico alle sollecitazioni del terreno e trasferire alla ruota tutta la potenza della pedalata.

A differenza della Bullet da 29”, sulla 27,5”+ la forcella è una RockShox Reba da 120 mm, appositamente concepita per ospitare la ruota mid-fat, mentre dietro lavora un mono RockShox Monarch RL con escursione di 100 mm. A richiesta per un allestimento più Trail, è disponibile il reggisella ammortizzato RockShox Reverb.

OlympiaBullit_2016_09Cambia la geometria: la Plus adotta angoli più aperti sia di sterzo sia di tubo sella, rispettivamente 68° e 71,5° contro 70,5° e 73,2° nella taglia L da noi provata. La differenza si ripercuote sull’interasse, che cresce da 1.134 mm a 1.140 mm, sempre in taglia L, a parità di lunghezza del carro posteriore (450 mm). La Bullet 27,5″+ è disponibile in un unico allestimento, con trasmissione Sram GX1 (1×11, compatibile Boost 148) dotata di comando Grip Shift e cassetta in acciaio 10-42t, freni a disco idraulici Avid DB5, attacco manubrio piega e reggisella marchiati Olympia. Pesa 13,1 kg e costa 3.515 euro.

Articoli correlati

Continua...ScottScale_2016_02

Prova Scott Scale 920 MY2016

Una leggera hardtail in fibra di carbonio pensata per il cross country, anche quello con la tabella portanumero, ma versatile...
27 maggio 2016
Continua...Gruppi bici - 8

Amore di gruppo: Campagnolo, Shimano e SRAM

C'è poco da fare: chi vuole il massimo non può guardare che Super Record, Dura-Ace e Red 22.
25 novembre 2015
Continua...LombardoCortinaCover

Prova Lombardo Cortina

Il marchio siciliano è sempre più protagonista, ora anche con una serie di mountain bike d’alta gamma.
21 aprile 2015
Continua...Look7952015-030

Prova Look 795 Aerolight

La 795 Aerolight è figlia di un progetto preciso: dare forma alla bicicletta che, per penetrazione all'aria, non avrebbe...
10 aprile 2015