- Pubblicità -

È stata la prima Audi S dotata di un motore td. La prima SUV Audi nata esclusivamente in funzione delle performance. Ora l’Audi SQ5 si rinnova grazie all’upgrade Plus, che porta in dote un’ulteriore iniezione di grinta.

Dynamic photo, Colour: in crystal effect paint finish Ara Blue

Mossa da un 6 cilindri a V common rail 24V di 2.967 cc sovralimentato mediante due turbocompressori in serie, può contare su 340 cv – che divengono 360 grazie all’overboost – e 700 Nm di coppia anziché gli originari 313 cv e 650 Nm. Una vera e propria eruzione, forte di una pressione d’iniezione di 2.000 bar e di iniettori capaci di garantire sino a 8 immissioni parziali di carburante per ogni ciclo. Il 3.0 TDI proietta così i 2.000 kg della Sport Utility di Ingolstadt – non una piuma – da 0 a 100 km/h in 5,1 secondi anziché i 5,2 secondi della versione “base”, a fronte della velocità massima autolimitata a 250 km/h.

Static photo, Colour: in crystal effect paint finish Ara Blue

Prestazioni da sportiva, abbinate a consumi da berlina media, nell’ordine dei 15 km/l. La dotazione tecnica include il cambio automatico tiptronic a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia corredato di levette al volante, la trazione integrale permanente quattro, l’assetto sportivo S ribassato di 30 mm rispetto alle comuni Q5, i cerchi in lega da 20 pollici e il differenziale posteriore sportivo. Quest’ultimo un accessorio per la prima volta disponibile per una Sport Utility della serie Q. Sotto il profilo estetico, la SQ5 è riconoscibile per le finiture nero lucido dei dettagli esterni e per gli interni in pelle Nappa.

Cockpit

Proposta in Italia a 73.250 euro, vale a dire 6.500 euro in più rispetto alla “sorella” da 313 cv, è disponibile con un sovrapprezzo di 11.000 euro nella versione a tiratura limitata Audi Exclusive Selection Blu Ara, forte dell’esclusiva verniciatura Blu Ara, di cerchi in lega da 21 pollici, rivestimenti in pelle Nappa nera, tappetini personalizzati e inserti in alluminio e quercia Beaufort. Ma il sound? Nessun effetto Landini testa calda! Nonostante il propulsore alimentato a gasolio, l’intensificatore sonoro integrato, costituito da un altoparlante collocato in un canale secondario dell’impianto di scarico, appaga i sensi. Una rivelazione!