BMW750d-apertura

BMW 2016: quattro turbine per l’ammiraglia 750d

Ventata di novità per la Casa tedesca: 750d adotta un 3.0 diesel quadriturbo da 400 cv, mentre l’ibrida plug-in 740e iPerformance può contare su 326 cv. Serie 1 e Serie 2 beneficiano del 3.0 turbo benzina di X4 M40i nello step da 340 cv.

Pubblicato martedì 17 maggio 2016 · da

Pulizie di primavera in casa BMW! Il costruttore tedesco interviene sulle gamme Serie 1, Serie 2 e Serie 7 introducendo nuovi motori e aggiornando i sistemi multimediali.

Druck

Il 6 cilindri 3.0 td quadriturbo di BMW 750d

Si chiama 750d ed è il nuovo riferimento in termini prestazionali, lato diesel, per l’ammiraglia di Monaco. Il 6 cilindri in linea 3.0 td beneficia di quattro turbine, così da erogare 400 cv e 760 Nm di coppia in abbinamento alla sola trazione integrale. Valori da capogiro per un propulsore alimentato a gasolio, specie considerando la potenza specifica di ben 133,6 cv/litro! La berlina bavarese, proposta anche in configurazione a passo lungo, scatta da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi e percorre mediamente 17,5 km/l, complice l’efficacia del cambio automatico a 8 rapporti Steptronic del tipo mediante convertitore di coppia, comune al resto della gamma. Sempre in casa Serie 7, entra a listino l’ibrida plug-in 740e iPerformance, proposta anche nelle versioni 4WD e a interasse maggiorato, forte di un powertrain da 326 cv composto da un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo a iniezione diretta di benzina e da un motore elettrico. Accelera da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi a fronte di un consumo di carburante compreso tra 2,1 e 2,5 litri/100 km, mentre in modalità esclusivamente elettrica è possibile percorrere da 41 a 48 km.

BMW740e iPerformance-004

BMW 740e iPerformance

L’aggiornamento di Serie 1 e Serie 2 è dedicato alla clientela sportiva: M135i ed M235i, accreditate entrambe di 326 cv, escono di scena in favore delle nuove M140i ed M240i, equipaggiate con la versione più aggiornata del 6 cilindri in linea 3.0 turbo twin-scroll a iniezione diretta di benzina e fasatura variabile sia lato aspirazione sia lato scarico, recentemente al debutto con X4 M40i. Un’unità in grado di erogare 340 cv e 500 Nm di coppia e abbinata tanto alla trazione posteriore quanto alla soluzione integrale xDrive. Sempre restando in tema Serie 1 e Serie 2, è prevista l’introduzione in gamma del noto 4 cilindri 2.0 TwinPower Turbo benzina negli step da 184 e 224 cv – quest’ultimo abbinato di serie al cambio automatico a 8 marce – oltre che nella versione da 252 cv riservata alle nuove 230i Coupé e Cabriolet.

BMWM140i-002

BMW M140i

Travaso di tecnologia da Serie 6 e Serie 7 per quanto riguarda l’infotainment: il sistema BMW ConnectedDrive viene esteso a Serie 1, Serie 2, Serie 3 e Serie 4. Un’evoluzione che porta in dote una nuova grafica del display e, per le varianti dotate del navigatore Professional, inediti menù di gestione oltre ai comandi vocali con tecnologia Natural Language Understanding: permette di recuperare i messaggi in qualsiasi forma e di riconoscere gli interlocutori principali, così da assegnare le priorità. New entry in abitacolo il sistema di ricarica induttiva (wireless) per i dispositivi mobile.

BMWConnectedDrive

Il nuovo sistema BMW ConnectedDrive

 

Articoli correlati

Continua...BMWSerie72016-009

Prova BMW Serie 7 2016, il lusso va di fretta

Regala esperienze sensoriali uniche e sensazioni di di guida insospettabili per un’auto di queste dimensioni.
24 settembre 2015
Continua...BMWSerie72016-apertura2

BMW Serie 7 2016: frontiera hi-tech

Una rivoluzione rispetto al passato: la scocca abbraccia il carbonio, il peso scende di 130 kg e debutta un inedito modulo...
15 giugno 2015
Continua...BMWSerie32015-apertura

BMW Serie 3 2015: a tutta sostanza

La berlina e wagon tedesca vede crescere la potenza dei propulsori a fronte di un calo generalizzato dei consumi.
11 maggio 2015
Continua...BMWSerie1-apertura

Nuova BMW Serie 1: il trucco c’è, e si vede

La seconda generazione della media tedesca beneficia di un sostanzioso restyling e dell’ampliamento della gamma motori...
16 gennaio 2015