CitroenC6-apertura

Citroën C6: è tornato solo il nome

La nuova ammiraglia francese nasce per i mercati orientali ed è basata sulla berlina cinese Dongfeng A9. Ha un unico obiettivo: essere estremamente confortevole. Debutta anche l’elettrica E-Elysée, forte di un’autonomia di 250 km.

Pubblicato mercoledì 27 aprile 2016 · da

Tremate, tremate, le streghe son tornate! O meglio è tornata lei, l’auto forse più incompresa della storia Citroën, tanto raffinata tecnologicamente quanto poco attraente esteticamente: C6 è di nuovo tra noi. Se vi siete scaldati, se siete pronti a pentirvi di non averla presa in considerazione quando ancora era a listino in Italia, vale a dire sino al 2012, ebbene… rilassatevi. È rinato solo il nome. “Sotto”, c’è più Cina che Europa.

CitroenC6-001

Svelata in occasione del Salone di Pechino, la nuova ammiraglia C6 non ha alcun legame concreto con il precedente modello disponibile in Europa. Sviluppata sulla piattaforma della berlina Dongfeng A9, realizzata dal costruttore cinese partner della Casa francese sui mercati asiatici, può contare su dimensioni generose – è lunga 4,96 metri e vanta un passo di 2,9 metri – e un design classico, a quattro porte, mentre in abitacolo spiccano il display della strumentazione da 12,3 pollici e lo schermo touchscreen da 8 pollici del sistema d’infotainment. L’unico elemento veramente innovativo consiste nello sviluppo del concetto Citroën Advanced Comfort, consistente in un pacchetto di soluzioni volte a “viziare” i passeggeri quali il climatizzatore quadrizona, i sedili ventilati con funzione massaggio, il tetto in cristallo, le finiture in pelle e radica e l’integrazione dei più moderni sistemi di assistenza alla guida.

CitroenC6-002

C6 nasce per soddisfare i gusti degli automobilisti orientali, attenti tanto alla possibilità di cambiare rivestimenti e colori in abitacolo quanto alla facoltà d’intervenire sull’assetto delle vetture e l’erogazione dei propulsori. Nelle concessionarie entro la fine del 2016, l’ammiraglia francese dovrebbe adottare un 4 cilindri 1.8 turbo a iniezione diretta di benzina da 204 cv. Le novità Citroën a Pechino si spingono però oltre la mobilità ordinaria, proponendo la versione elettrica della berlina C-Elysée. Una concept, destinata a entrare in produzione entro il 2017, caratterizzata da un’autonomia di 250 km e da un tempo di ricarica delle batterie agli ioni di litio nell’ordine delle 6,5 ore sfruttando una comune presa domestica. E-Elysée, questo il nome della vettura a zero emissioni, potrebbe arrivare anche in Europa.

CitroenEElysee-001

Citroën E-Elysée

Articoli correlati

Continua...CitroenC-Elysee-apertura

Citroën C-Elysée: l’anti Tipo

Sull’onda del successo di Fiat Tipo quattro porte, debutta in Italia la berlina francese, sinora riservata ai Paesi emergenti....
25 marzo 2016
Continua...CitroënSpaceTourer-apertura

Citroën SpaceTourer: quando 7 posti non bastano

La Casa francese presenta una nuova monovolume sviluppata in partnership con Toyota, disponibile con due misure d’interasse...
06 febbraio 2016
Continua...CitroenEMehari-apertura

Citroën E-Méhari: un ritorno elettrizzante

Erede della storica beach car del 1968, la cabriolet francese a 4 posti adotta un motore elettrico da 68 cv.
09 dicembre 2015
Continua...CitroenCactusM-apertura

Citroën Cactus M: rivive la Méhari

Derivata da C4 Cactus, è una beach car a due porte priva di tetto.
03 settembre 2015