Dynamic photo, Colour: Garnet red

Nuova Audi Q5: rivoglio lo scettro

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

Pubblicato venerdì 30 settembre 2016 · da

Qualsiasi romanzo, anche il più appassionante, dopo svariate riletture rischia di perdere mordente. Specie se negli anni vengono presentati libri altrettanto interessanti. Uno scrittore che voglia restare sulla breccia dell’onda deve dunque rassegnarsi a realizzare nuove opere. In questo caso l’artista è Audi, e il best seller Q5. Dopo otto anni di onorato servizio, la prima generazione della SUV tedesca esce di scena, cedendo il passo al nuovo modello presentato in occasione del Salone dell’auto di Parigi.

Dynamic photo, Colour: Garnet red

Linea sportiva, connettività, sicurezza e leggerezza: ecco le pietre miliari del nuovo “edificio” Q5. Lunga 4,66 metri – 3 cm in più se paragonata al vecchio modello – e forte di un passo di 2,82 metri, la SUV tedesca “dimagrisce” mediamente di 90 kg. Curata nell’aerodinamica, tanto che le versioni a quattro cilindri possono contare su di un Cx di 0,30, beneficia di un maggiore spazio in abitacolo, specie per quanto riguarda i passeggeri posteriori. Un upgrade cui si accompagna una capienza del bagagliaio di 550 litri con 5 persone a bordo, superiore di 10 litri rispetto alla precedente generazione e resa ancor più sfruttabile dalla possibilità di gestire elettricamente il portellone mediante sensori e ribassare l’assetto al retrotreno, complici le molle pneumatiche, per agevolare le fasi di carico.

Dynamic photo, Colour: Florett silver

La nuova generazione di Q5 compie un vero e proprio balzo generazionale per quanto riguarda le dotazioni di sicurezza, dato che sono ora disponibili numerose soluzioni hi-tech quali il cruise control adattivo con assistente al traffico, la frenata automatica d’emergenza, l’avviso di superamento involontario della linea di corsia, l’allarme per la repentina riduzione della distanza dal veicolo che precede, l’allerta d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo visuale cieco, l’assistenza al parcheggio e il riconoscimento della segnaletica stradale oltre alla limitazione della velocità in discesa. I proiettori sono disponibili con tecnologia sia LED sia Matrix LED (adattiva). Tanta raffinatezza trova conferma nel rinnovato reparto multimediale; analogamente alla più recente produzione Audi, anche la nuova Q5 beneficia (finalmente) della strumentazione digitale Audi virtual cockpit, forte di un display TFT da 12,3 pollici ampiamente personalizzabile nella grafica e nelle informazioni.

Interior

Il sistema di navigazione MMI Plus (top di gamma) con monitor da 8,3 pollici al vertice della consolle, gestibile mediante la manopola a pressione/rotazione lungo il tunnel sormontata da un touchpad, è corredato di una SIM con tariffa dati flat inclusa per 3 anni, integrata con un modulo LTE e con un hotspot Wi-Fi così da collegarsi a internet – con un massimo di 8 dispositivi portatili – e beneficiare dei servizi Audi connect. Non mancano nemmeno la ricarica induttiva dei device portatili, l’head-up display e i comandi vocali compatibili con il linguaggio naturale. Un paniere multimediale da prima della classe, ulteriormente arricchito dalla compatibilità con i protocolli Apple CarPlay e Android Auto per il dialogo privilegiato con gli smartphone.

Interior

La nuova Audi Q5 è disponibile con un unico motore a iniezione diretta di benzina, 2.0 TFSI da 252 CV (+22 CV rispetto al passato) e con quattro turbodiesel common rail. Più precisamente un 2.0 TDI da 150, 163 o 190 CV e un 3.0 TDI da 286 CV e 620 Nm di coppia. Al lancio saranno disponibili il 2.0 TDI da 163 e 190 CV oltre al 2.0 TFSI da 252 CV, mentre gli altri propulsori verranno introdotti successivamente. Trasmissioni manuale a 6 rapporti, a doppia frizione S tronic a 7 marce e automatica del tipo mediante convertitore di coppia tiptronic a 8 velocità. Quest’ultima riservata al 3.0 TDI al pari del differenziale posteriore sportivo.

adaptive air suspension

Tra le novità tecniche spicca la trazione quattro ultra, in grado di contenere consumi ed emissioni disaccoppiando l’assale posteriore qualora le condizioni di guida e del terreno lo consentano. Una tecnologia optional per Q5 2.0 TDI da 150 CV, disponibile anche con le 2WD, e di serie per le motorizzazioni 2.0 TDI da 163 e 190 CV oltre che per il 2.0 TFSI. Immancabile il sistema Audi Drive Select che influisce sull’erogazione del propulsore, sui punti d’innesto della trasmissione, sulla servoassistenza dello sterzo e sui differenziali in funzione di sette programmi tra i quali spiccano le inedite modalità lift/off-road e allroad, specifiche per il fuoristrada. Una tecnologia cui è possibile abbinare le sospensioni pneumatiche adattive che consentono di variare in base a cinque setup l’assetto della vettura. Proposta in 14 tinte e cinque allestimenti con cerchi in lega da 17 a 21 pollici, la nuova Audi Q5 verrà prodotta in Messico. Prime consegne a inizio 2017.

Dynamic photo, Colour: Florett silver

Articoli correlati

Continua...Audi Q3 2.0 TFSI
Static photo, Colour: Tukan Yellow

Audi Q3 S Line Competition: il tuning è di serie

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3.
28 settembre 2016
Continua...Dynamic photo, Color: Daytona Grey

Audi A5 Sportback: anche il metano diventa nobile

La nuova generazione della berlina sportiva tedesca cresce nelle dimensioni, nell’abitabilità e nelle dotazioni multimediali...
11 settembre 2016
Continua...Dynamic photo, 
Colour: Florett Silver

Audi A5 e S5 Coupé, ecco la seconda generazione

Arriverà in autunno la nuova A5 Coupé: elegante ed efficiente (Cx 0,25) potrà contare su cinque motorizzazioni, abitacolo...
03 giugno 2016
Continua...Static photo, 
Colour: Matador Red

Audi A6 e A7 Sportback 2017

Già proiettati nel 2017, i due modelli Audi cambiano in alcuni dettagli per rimanere al vertice.
25 aprile 2016