MicrolinoIsetta-apertura

MMS Microlino: il ritorno dell’Isetta è elettrico

La micro car svizzera s’ispira alla storica Isetta, di cui riprende design e portellone ad apertura frontale. Dotata di un motore elettrico da 20 cv, tocca i 90 km/h con un’autonomia sino a 120 km. Arriverà nel 2017 con prezzi da 8.000 a 12.000 euro.

Pubblicato domenica 31 luglio 2016 · da

Originale, anzi originalissima tanto negli Anni ’50 quanto oggi, l’Isetta, l’auto che motorizzò il secondo dopoguerra sia in Italia sia in Germania, è tornata. Solo che, ora, è a propulsione elettrica.

MicrolinoIsetta-006

La micro vettura prodotta originariamente a Bresso (MI) dall’italiana Iso venne realizzata anche dalla BMW in Germania, che ne acquistò i diritti nel 1955. Tutt’altro che convenzionale, era caratterizzata da una carrozzeria a uovo, un’abitabilità eccezionale se paragonata alle dimensioni lillipuziane e, soprattutto, da un unico portellone ad apertura anteriore, incernierato lateralmente, che inglobava il frontale della vettura. La scocca in acciaio, abbinata al telaio tubolare, costituiva un tocco di modernità. Sebbene dotata di quattro ruote – il prototipo originale ne prevedeva tre – vedeva le posteriori (motrici) molto ravvicinate, così da rinunciare al differenziale. La panchetta ospitava due persone e alle spalle dei passeggeri trovava posto un monocilindrico quattro tempi di 245 cc – una peculiarità della versione BMW, laddove l’Isetta italiana era a due tempi – da 12 cv, che spingeva l’auto a 85 km/h complice il cambio manuale a 4 marce.

MicrolinoIsetta-002

La storica Isetta fu un successo. Una tradizione apparentemente destinata a ripetersi, dato che sono già state tutte prenotate le prime 1.500 Microlino. Microlino, nello specifico, è il nome attribuito dalla società svizzera Micro Mobility Systems di Küsnacht, nel Canton Zurigo, alla vetturetta elettrica che s’ispira all’Isetta tanto da riproporne le linee e il portellone ad apertura frontale. Radicalmente rivista la meccanica, dato che sottopelle agisce un motore a zero emissioni da 20 cv alimentato mediante batterie agli ioni di litio, in grado di spingere la micro car elvetica – omologata per due persone come quadriciclo pesante – a 90 km/h con un’autonomia compresa tra 90 e 120 km. L’avvio della produzione in serie è previsto per la fine del 2017 con prezzi compresi tra 8.000 e 12.000 euro in funzione degli allestimenti. Produzione che, oltretutto, avverrà in Italia presso gli stabilimenti della Tazzari EV di Imola, da oltre dieci anni specializzata in micro car elettriche.

MicrolinoIsetta-008

Articoli correlati

Continua...Mercedes-Benz “Concept IAA” (Intelligent Aerodynamic Automobile)

Mercedes-Benz: nel 2018 la sportiva elettrica anti Tesla

La Casa tedesca presenterà entro il 2018 una sportiva a zero emissioni rivale diretta di Tesla Model S.
14 luglio 2016
Continua...BMWM3E30-apertura

La storia della BMW M3

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico,...
29 giugno 2016
Continua...Peugeot L500 R HYbrid_apertura

Peugeot L500 R HYbrid: tra storia e hi-tech

La monoposto a ruote coperte francese abbina prestazioni monstre a consumi da utilitaria.
07 giugno 2016
Continua...apertura-001

Le 10 auto più importanti della storia BMW

La Casa tedesca festeggia il secolo di vita.
11 aprile 2016