- Pubblicità -

Si scrive GT, ma si legge Renault Sport. La nuova versione tutto pepe della city car Twingo è infatti frutto del lavoro di sviluppo del reparto sportivo della Casa francese e condivide parte della meccanica con l’utilitaria tutto pepe smart fortwo Brabus.

renaulttwingogt_004

Immediatamente riconoscibile per la presa d’aria specifica in corrispondenza del passaruota posteriore sinistro, una modifica che garantisce una riduzione del 12% della temperatura dell’aria in ingresso nel turbocompressore e una portata superiore del 23% in fase di alimentazione, la nuova Twingo GT può contare, come accennato, sul medesimo propulsore della “cugina” smart forfour Brabus. Partendo dalla versione da 90 cv e 135 Nm di Twingo TCe 90, i tecnici francesi hanno spremuto 20 cv in più dal tricilindrico turbocompresso 12V di 898 cc e portato i Nm a 170, abbassando oltretutto il regime di coppia massima da 2.500 a 2.000 giri/min. Un’iniezione di grinta che consente di disporre di 110 cv e di un rapporto peso/potenza di 9,8 kg/cv. Unica la trasmissione disponibile, vale a dire un classico cambio manuale a 5 marce rivisto nella rapportatura in ottica sportiva, così da contribuire a uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 10 secondi.

renaulttwingogt_002

Per far fronte alle velleità sportive della versione GT, l’assetto della city car Renault a motore posteriore è ribassato di 20 mm rispetto allo standard e beneficia di sospensioni più rigide del 20%, di una barra antirollio anteriore maggiorata, di una taratura più aggressiva dello sterzo e di un setting specifico dell’elettronica, in special modo dell’ESP. Debuttano, infine, cerchi in lega da 17 pollici abbinati a pneumatici anteriori 185/45 e posteriori 205/40 oltre a un terminale di scarico sportivo cromato a doppia uscita, un inedito estrattore, paraurti e grafiche dedicati. La nuova Twingo GT ha l’argento vivo addosso!

renaulttwingogt_025