SkodaOctaviaRS230-cover

Prova Skoda Octavia RS230

250 all’ora, 6,7 secondi nello 0-100. La Skoda più potente e veloce di sempre veste i panni di una berlina o (o SW) ribassata e cattiva. Octavia RS 230 prosegue una tradizione di sportività nata addirittura nel 1901 e non tradisce le attese

Pubblicato mercoledì 02 settembre 2015 · da
LIVE DRIVE

143.000 pezzi venduti da quando esiste, ben 40.000 solo dell’ultima versione (datata 2013). Se qualcuno avesse dei dubbi sul potenziale di una Skoda sportiva sono i numeri della Octavia RS a chiarire tutto. La sportività fa parte del DNA del marchio ceco che partecipa a competizioni ufficiali (soprattutto rally) ininterrottamente dal 1901 e che ha sempre avuto nella sua gamma versioni pompate. Chiaro, il marchio Skoda dalle nostre parti è percepito in modo tutt’altro che sportivo, ma i numeri che la RS riesce a esprimere possono essere più che interessanti per chi ama le alte prestazioni, la tecnologia tedesca (Skoda, come ben sappiamo, fa parte del gruppo Volkswagen) e non è disposto a svenarsi per divertirsi al volante.

LIVE
32.400 euro per la berlina, 33.450 per la wagon (che diventano 34.000 e 35.050 qualora si decida di optare per le versioni con cambio a doppia frizione DSG) è la cifra che occorre investire per portarsi nel box una Octavia RS 230.
L’RS 230 è proposta esclusivamente con motore 4 cilindri 2.0 turbo 16V a iniezione diretta pompato per l’occasione dagli originari 220 cv agli attuali 230 cv con una coppia di 350 Nm. Un’evoluzione che porta in dote un tempo di 6,7 secondi nello 0-100 e una velocità massima per la prima volta autolimitata a 250 km/h a fronte di consumi pressoché immutati: 16,1 km/l. Novità tecnica di rilievo il debutto del differenziale anteriore a controllo elettronico già utilizzato su molti modelli del gruppo.

SkodaOctaviaRS230-014Sotto il profilo estetico, l’RS 230 si distingue per i cerchi in lega specifici da 19 pollici (con pneumatici 225/35), le pinze dei freni rosse e le finiture in pelle nera. Telaisticamente, come per la comune RS, si registra un ribassamento dell’assetto rispetto alle versioni standard di 12 mm per la berlina e 13 mm per la wagon, non cambia lo schema delle sospensioni, ma cambia il camber. Ricca la disponibilità d’accessori in materia di sicurezza: fari bi-Xeno, avvisatore d’impatto imminente con arresto d’emergenza, mantenimento della corsia di marcia, monitoraggio della stanchezza del conducente, 9 air bag e gli immancabili ABS ed ESP.

Articoli correlati

Continua...SkodaOctaviaWagon20TDIRS4x4DSG-apertura

Skoda Octavia Wagon 2.0 TDI RS 4×4 DSG: 3 decimi di felicità

Grazie alla trazione integrale, la versione sportiva della wagon ceca scatta da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi contro gli 8,0...
09 febbraio 2016
Continua...SkodaVisionS-apertura

Skoda VisionS: l’ibrida che gioca d’anticipo

Debutta a Ginevra la concept ibrida plug-in che anticipa il design delle future SUV medie della Casa ceca.
17 febbraio 2016
Continua...SkodaAtero-apertura

Skoda Atero: un design scolastico

Derivata dalla wagon Rapid Spaceback, la concept ceca è caratterizzata da un’originale carrozzeria coupé e adotta un...
30 maggio 2016
Continua...SkodaOctaviaRS-apertura

Skoda Octavia MY17: 1.0 TSI e sospensioni attive

La berlina e famigliare ceca adotta un 1.0 turbo benzina da 115 cv come motore entry level della gamma in sostituzione del...
17 giugno 2016