SuzukiBalenoS-apertura

Prova Suzuki Baleno S

Adotta un nuovo 3 cilindri 1.0 turbo a iniezione diretta di benzina da 112 cv: un’unità elastica, reattiva e con un buon allungo. Alla dotazione molto completa s’accompagna un’abitabilità degna di una vettura di categoria superiore.

Pubblicato venerdì 13 maggio 2016 · da
LIVE DRIVE

Squillino le trombe, rullino i tamburi, abbiamo un nuovo “frullino” da 110 e lode. O, più precisamente, da 112 cv e lode, dato che questa è la potenza erogata dal tre cilindri 1.0 turbo a iniezione diretta di benzina, denominato BoosterJet, appannaggio di Suzuki Baleno S. Un propulsore dall’indole sportiveggiante che per prontezza di risposta ai bassi regimi, disponibilità di coppia ai medi e propensione all’allungo non ha nulla da invidiare a rivali blasonati con la medesima architettura quali, ad esempio, il 1.0 EcoBoost Ford e il 1.0 TSI in dotazione al Gruppo Volkswagen.

SuzukiBalenoS-016

Mi dia pure un sorso di BoosterJet, ho bisogno di un’iniezione d’energia”: nemmeno fosse una lattina contenente Red Bull, il tricilindrico Suzuki porta in dote una ventata di brio. Se le versioni standard di Baleno sono infatti principalmente votate alla praticità, mosse da un 1.2 a benzina da 90 cv disponibile anche in configurazione micro ibrida e caratterizzate da uno spazio a bordo degno di un modello di categoria superiore, il 1.0 da 112 cv aggiunge pepe alla ricetta, forte di prestazioni degne di nota e, soprattutto, dell’abbinamento con una dotazione di serie che più completa non si può: fari allo Xeno con luci diurne a LED, radio CD/MP3 con prese AUX e USB, Bluetooth, cerchi in lega da 16 pollici, climatizzatore automatico, ABS, ESP, 6 air bag e raffinatezze quali il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza o il sistema d’infotainment corredato dello schermo touchscreen da 7 pollici, della telecamera in retromarcia, del navigatore e della connettività multipla (MirrorLink e Apple CarPlay). Tutto a un prezzo di 17.800 euro che, approfittando della campagna promozionale in vigore sino a fine giugno, scende a 14.600 euro.

SuzukiBalenoS-017

LIVE
Realizzata partendo da un’inedita piattaforma modulare – sino a 30 kg più leggera rispetto alla “cugina” Suzuki Swift – destinata a costituire la base per una serie di futuri modelli, Baleno beneficia della corrente di design denominata Liquid Flow, foriera di linee morbide, solcate da nervature che conferiscono carattere all’insieme. La “cura” S, nello specifico, prevede quale unica particolarità estetica – oltre all’adozione dei cerchi in lega bruniti da 16 pollici – la presenza di un profilo rosso a contrasto lungo lo spoiler anteriore, mentre in abitacolo dominano linee suadenti e debuttano alcuni dettagli esclusivi quali il pomello e la cuffia del cambio in pelle con impunture rosse; finitura, quest’ultima, estesa anche ai tappetini.

SuzukiBalenoS-027

Non cambia rispetto al resto della gamma la qualità percepita: le plastiche appaiono abbastanza economiche e alcuni accoppiamenti non risultano precisi. In compenso, la posizione di guida è corretta e ampiamente personalizzabile grazie alla possibilità di adattare in profondità e altezza lo sterzo, laddove il sedile è regolabile manualmente in longitudine, altezza e nell’inclinazione – a scatti anziché la più precisa soluzione progressiva – dello schienale. Pur non potendo modificare il supporto lombare, la seduta è comoda e si percepisce una valida sensazione d’inserimento nel corpo vettura. Chiunque è immediatamente a proprio agio, complice la generosa disponibilità di spazio a livello tanto delle spalle quanto delle gambe.

SuzukiBalenoS-026

Nessun cambiamento anche per quanto riguarda l’abitabilità posteriore: analogamente alle sorelle dotate del 1.2 a benzina aspirato da 90 cv, Baleno S meriterebbe l’Oscar per la disponibilità di spazio a livello delle spalle e delle gambe. Altrettanto positive la capacità di carico, è infatti possibile contare su di una capienza di 355 litri con cinque persone a bordo, e la presenza di serie d’accessori di pregio quali il display LCD a colori da 4,2 pollici del quadro strumenti, in grado di fornire informazioni in merito allo stile di guida, oppure lo schermo touch da 7 pollici del sistema di navigazione, corredato della connettività smartphone e della telecamera in retromarcia.

SuzukiBalenoS-020

Articoli correlati

Continua...SuzukiBaleno-apertura

Prova Suzuki Baleno 1.2 Dualjet 5p.

Meriterebbe l’Oscar per lo spazio a bordo e la capienza del bagagliaio.
28 marzo 2016
Continua...SuzukiBalenoWebSEdition-apertura

Suzuki Baleno Web S Edition: si compra via internet

La compatta nipponica può contare su di un 3 cilindri 1.0 turbo a iniezione diretta di benzina da 112 cv e una dotazione...
04 dicembre 2015
Continua...SuzukiVitaraS-apertura

Prova Suzuki Vitara S 1.4 BoosterJet Allgrip S&S

È da lode il nuovo 1.4 turbo benzina da 140 cv: reattivo ai bassi e dall’erogazione progressiva, vanta un buon allungo...
27 novembre 2015
Continua...SuzukiBaleno-apertura

Suzuki Baleno: 1.0 turbo e sistema microibrido

La nuova compatta nipponica, basata su di un’inedita piattaforma modulare, è dotata di un 3 cilindri 1.0 turbo a iniezione...
08 settembre 2015