- Pubblicità -

A due anni abbondanti dal lancio della prima versione, il BMW C evolution continua e essere l’unico scooter elettrico di grande serie presente sul mercato. Pur in assenza di concorrenti veri e propri, a Monaco hanno deciso comunque di aggiornare il loro portabandiera con il lancio del model year 2017, che debutterà tra meno di un mese al Mondial de l’Automobile di Parigi in due versioni.

BMW_C_evolution_00011

Le novità non riguardano certo l’estetica. Con i suoi tagli netti e le forme avveniristiche, il C evolution resta una tra le proposte più moderne in circolazione e metter mano alla linea non avrebbe avuto alcun senso. A valorizzare la silhouette arriva giusto un nuovo abbinamento cromatico: ionic silver metallizzato ed electricgreen. Sotto la pelle si cela invece il fiore all’occhiello del BMW C evolution 2017, ovvero un nuovo pacco batterie con capacità delle celle di 94 Ah. Si tratta di un bel passo in avanti rispetto agli accumulatori del passato da 60 Ah, che porta lo scooter a condividere la tecnologia con la sorella a quattro ruote, la BMW i3.

BMW_C_evolution_00016

Come anticipato all’inizio, il BMW C evolution 2017 sarà offerto in due varianti. La prima è definita Long Range (15.900 euro), con un’autonomia estesa fino a 160 km e una velocità massima autolimitata di 129 km/h, grazie a una potenza continua di 26 cv (o 19 kW che dir si voglia). La seconda, quella standard e dedicata al mercato europeo (14.400 euro), ha invece una potenza massima di 15 cv (11 kW), che lo rende guidabile anche da chi abbia la patente A1 o quella B della macchina. In questo caso velocità massima scende a 120 km/h e l’autonomia è di 100 km.

BMW_C_evolution_00018

Tra le chicche della nuova edizione spiccano anche un cavo di carica di sezione ridotta  e una gamma di optional rinnovata, tra cui c’è anche un supporto per smartphone inedito. Nella dotazione di serie ci sono invece luci diurne e indicatori di direzione a Led, una strumentazione multifunzione con pannello TFT, il parabrezza fumé, cuciture colorate per la sella e un sistema di assistenza per la retromarcia, oltre, ovviamente, all’ABS.