- Pubblicità -

Anche se nel mondo delle maxitourer la concorrenza è molto limitata, nessuno si può permettere di stare con le mani in mano, senza sviluppare i propri modelli: la clientela del segmento è esigente e va coccolata a dovere. E così all’Intermot di Colonia BMW porta in passerella anche una versione aggiornata della K 1600 GT, l’ammiraglia con un tocco sportivo che viene superata quanto a sontuosità solo dalla sorella GTL.

La BMW K 1600 GT 2017 (23.200 euro chiavi in mano con il primo tagliando incluso) si presenta rivista in alcuni dettagli estetici, con nuovi colori e con una dotazione di serie e di optional più ricca che mai. Il motore a sei cilindri da 160 cv e 175 Nm ha invece come unica vera novità l’omologazione Euro 4, raggiunta anche grazie e nuovi catalizzatori. Partendo dal look, la moto sfoggia un nuovo disegno delle sezioni laterali della carena e deflettori maggiorati, per offrire una miglior protezione aerodinamica. Inedita è anche la grafica della strumentazione.

La notizia più importante è però la presenza nella dotazione di serie della K 1600 GT 2017 delle sospensioni Dynamic ESA, che consentono di regolare elettronicamente l’assetto in modalità Road, più confortevole e più indicata per i viaggi, oppure Dynamic, più sul rigido e quindi per la guida brillante. Una volta fatta questa selezione, una centralina adatta automaticamente lo smorzamento in base alla situazione, mentre il pilota ha comunque la possibilità di intervenire manualmente sul precarico, attraverso un semplice pulsante.

A livello di optional, invece, ci sono numerose novità interessanti, a partire dalla retromarcia, che si attiva dal blocchetto elettrico di sinistra e si comanda poi con il tasto di avviamento. Sempre a richiesta si può avere il cambio elettroassistito PRO, che permette di fare la maggior parte delle cambiate senza dover fare ricorso alla frizione. Un’altra notevole chicca tecnologica è infine l’eCall: questo sistema mette la moto in collegamento con una centrale di assistenza e può essere attivato dal pilota oppure entrare in funzione automaticamente, per chiamare per esempio i soccorsi in caso di incidente, grazie anche a un Gps integrato.