- Pubblicità -

Debutterà nel 2017 per velocizzare l’arrivo dei soccorsi in caso di incidente: in anteprima mondiale BMW Motorrad lancia l’Intellingent Emergency Call. Un dispositivo simile è già ampiamente utilizzato sulle vetture del gruppo e si avvale di un’infrastruttura internazionale, operativa già dal 2007. A fronte dell’obbligatorietà stabilita per le quattro ruote a partire dal 2018, quando tutti i nuovi veicoli dovranno disporre di un servizio eCall, BMW si porta avanti con le due ruote. Il sistema si avvale di una connessione telefonica mobile ed è composto da sensore di accelerazione, sensore di inclinazione, modulo telefonico con localizzazione e pulsante di controllo, quest’ultimo collocato sul lato destro del manubrio.

eCall_Chart_2016_04_27

Tre gli scenari:
chiamata automatica in caso di incidente grave. In questo caso il sistema si attiva in autonomia e non può essere bloccato da nessuno;
chiamata automatica in caso di incidente lieve: il motociclista, nei 25 secondi successivi all’impatto, può bloccare la chiamata di emergenza;
ricorso volontario alla chiamata di emergenza: è il motociclista a gestire il dispositivo. Con il quadro acceso, preme il pulsante di SOS sul manubrio e viene messo in contatto vocale con un operatore tramite microfono e altoparlante in dotazione,  ovviamente nella lingua prescelta. Il sistema valuta l’entità dell’incidente attraverso sensori d’urto e di accelerazione, in modo da evitare chiamate inutili. Il lancio avverrà in Germania ma è prevista la rapida estensione agli altri Paesi europei.

BMW Emergency Call - 1