Yamaha_MY2017_nuovi_colori_00012

Yamaha m.y. 2017: ne vedremo di tutti i colori

A Colonia un ricco antipasto di ciò che vedremo all'Eicma. Nuovi colori per rinfrescare gran parte della gamma e l'ultima versione della race ready YZF-R1M, ordinabile online dal prossimo 11 ottobre.

Pubblicato giovedì 29 settembre 2016 · da

Mancano ormai pochi giorni all’Intermot 2016 di Colonia, che aprirà i battenti al pubblico dal 5 al 9 ottobre. Nei padiglioni della Köln Messe si potranno già ammirare molte novità 2017, prima che si tenga il Salone più importante dell’anno, che sarà l’Eicma di Milano, in calendario invece dall’8 al 13 novembre. E, in attesa delle primizie più succose, Yamaha inizia a stuzzicare il pubblico con un po’ di materiale relativo alla gamma 2017.

Yamaha_MY2017_nuovi_colori_00007

Entrando nel dettaglio, a Iwata hanno deciso di rinfrescare molti modelli inserendo a catalogo nuove colorazioni. Nella collezione 2017 le tinte che andranno di più sono due: Tech Black e Yamaha Blue. Questo particolare nero debutta infatti sulle varie R1, R125, MT-07. MT-125, XSR 700 e XT1200Z e ZE Super Ténéré. Il blu, una tinta tipica per i tre Diapason, arriva invece sulla tavolozza della Tracer 900 e, di nuovo, su MT-125, MT-07 e sulle due versioni della Super Ténéré. Un altro nero, chiamato Midnight, è disponibile sulla XSR 900 mentre il Race Blue caratterizza le sportive della famiglia, le R1 e R125. Per il resto, spiccano nel panorama delle novità il Mountain Green della Tracer e il Radical Red della R125, oltre al Powder White della MT-07. Un discorso a parte lo merita poi la XV950R, che non si accontenta del nuovo Tech Graphite e vede debuttare anche un serbatoio di nuovo disegno.

Yamaha_MY2017_nuovi_colori_00014

A margine, riflettori puntati anche sull’ambitissima Yamaha YZF-R1M m.y. 2017, la versione racing della supersportiva R1, che sarà ordinabile online a partire dal prossimo 11 ottobre. Per lei è straconfermato il pacchetto tecnico dello scorso anno. Tra gli highlight ci sono la carenatura in carbonio e un mare di dispositivi elettronici: sospensioni Öhlins ERS, Lift Control, Launch Control, Traction Control e Slide Control, gli ultimi sensibili anche all’angolo di piega. L’inclinazione è un fattore considerato pure dall’Abs e dallo Unified Brake System, che aiuta a gestire il posteriore quando si vuole entrare in curva ancora attaccati ai freni. Cuore pulsante della R1M è poi il quattro cilindri Crossplane da 200 cv, che rientra nei limiti della normativa Euro 4, così come tutti i modelli 2017 sin qui citati.

Articoli correlati

Continua...YamahaTracer700-010

Prova Yamaha Tracer 700

Si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata.
25 giugno 2016
Continua...YamahaMT10-078

Prova Yamaha MT-10

Radical & Practical. Queste due parole apparentemente in antitesi spiegano bene la Yamaha MT-10.
07 maggio 2016
Continua...YamahaMT092016-006

Fast Test Yamaha MT-09 2016 ABS – TCS

La naked tre cilindri di Yamaha si evolve con l’arrivo del controllo di trazione.
22 marzo 2016
Continua...YamahaXsr9000024

Yamaha XSR 900

La Yamaha XSR 900 è l'ultima novità di una stirpe di ottime moto.
28 gennaio 2016