Michelin Anakee Wild 2016, senza confini

Dedicato alla maxi enduro, è stato sviluppato per adattarsi ai terreni più accidentati e alle condizioni climatiche più diverse. Uno pneumatico multi funzione in grado di essere performante in ogni condizione.

Pubblicato mercoledì 02 marzo 2016 · da

Come dice il nome, è la versione più hard dell’Anakee III ed è stato progettato per raggiungere tre obiettivi: durata chilometrica e resistenza al riscaldamento, grazie alla nuova mescola del battistrada e alla profondità ottimizzata delle sculture; stabilità e comfort su strada, grazie alla tecnologia radiale, disponibile per la prima volta su uno pneumatico così tassellato, in quattro dimensioni; aderenza sul bagnato, precisione di guida, trazione e aderenza nell’off-road. Questa associazione di performance deriva dal design innovativo della scultura del battistrada, ispirata a quella del Michelin Désert, 33 volte vincitore della Parigi-Dakar.

MichelinAnakeeWild_2016_02Lo sviluppo dell’Anakee Wild è cominciato nel 2013 e la messa a punto è avvenuta nel corso di quattro raid estremi, percorrendo 40.000 km su BMW R 1200 GS, con variazioni di temperatura di 50°C (tra – 5°C e 45°C): 12.500 km nel 2013, durante la spedizione Long Way Home Asia, da Ulan Bator, capitale della Mongolia, a Istanbul; 7.500 km in ottobre 2014, durante il Raid GS Zoulou, da Windhoek, capitale della Namibia, a Cape Town, in Sud Africa; 4.000 km in 6 giorni nella primavera del 2015, durante il Wild Runners in Francia e in Spagna; 15.000 km nell’autunno del 2015, durante il Raid GS Gringo, tra Montevideo, capitale dell’Uruguay, e Ushuaia in Argentina, passando per Antofagasta, città costiera del Cile, e dopo aver attraversato Brasile, Paraguay, Bolivia e Perù.

MichelinAnakeeWild_2016_09Lo pneumatico posteriore deve garantire stabilità, mentre a quello anteriore è richiesta precisione di guida e aderenza. Nello specifico, la disposizione dei tasselli sul battistrada posteriore migliora la trazione e contribuisce a una ottimale tenuta di strada, mentre le scanalature sugli stessi, sia all’anteriore sia al posteriore, minimizzano la ritenzione dei sassi e facilitano l’evacuazione del fango. I tasselli esterni di entrambi gli pneumatici sono sfasati al di là delle spalle per garantire tanta aderenza soprattutto in condizioni difficili e il ponte fra i tasselli esterni permette di creare un appoggio supplementare per ottenere più rigidità, con vantaggi in curva. Infine, M-block è la “firma” degli pneumatici Michelin per l’off-road.

MichelinAnakeeWild_2016_05

Già disponibile in quattro dimensioni radiali, tra cui quelle compatibili con la BMW R 1200 GS, Anakee Wild arriverà in altre tre dimensioni nel corso dell’anno così da coprire la grande maggioranza delle moto da maxi-enduro sul mercato.

Articoli correlati

Continua...

Dunlop SportSmart2 Max: evoluzione a 360°

A febbraio Dunlop lancerà il nuovo pneumatico supersportivo SportSmart2 Max.
16 dicembre 2016
Continua...

Anlas Winter Grip Plus: l’invernale per le maxi

Arrivano dalla Turchia queste gomme invernali M+S, che possono equipaggiare molti tra i modelli più venduti del mercato.
12 novembre 2016
Continua...

Confronto Pneumatici Sport Touring

Una volta erano le cosiddette “gomme turistiche”, oggi sono in grado di offrire prestazioni tali da poter essere montate...
26 ottobre 2016
Continua...

Michelin Power RS, lo sfidante

C'è fermento a Clermont Ferrand per l'arrivo dello pneumatico sportivo stradale dedicato a naked e supersportive di qualsiasi...
21 ottobre 2016