FrizioneNoGrazie-020

Frizione? No Grazie

Cambio e frizione, da anni a meno che non si tratti di scooter siamo abituati a usarli continuamente; l’evoluzione, però, mostra come in futuro soprattutto la frizione potrebbe essere destinata a restare un lontano ricordo. Ne parliamo mentre proviamo due sistemi di cambiate evoluta su BMW R 1200 RT e Honda VFR1200F DCT

Pubblicato domenica 07 febbraio 2016 · da

Ammettiamolo. Usarla è una gran rottura, soprattutto quando in una situazione particolare di traffico siamo costretti a farlo continuamente. Sto parlando della frizione, gioia e dolore del motociclista moderno a cui ancora piace cambiare marcia per sentirsi “in moto” e non alla guida di uno scooter ma che, in molte situazioni, di quella leva da tirare farebbe volentieri a meno. Vengo da un paio di decenni di prove, andando a leggere i vecchi articoli mi viene da sorridere per quanto spesso scrivevo che la frizione era “dura da tirare” (ma ultimamente mi è capitato di provare una moto per cui l’ho scritto di nuovo…). Forse ci siamo dimenticati di quanto era noiosa questa operazione soprattutto quando la leva non era molto collaborativa… Sebbene sia uno dei componenti meno considerato (ci ricordiamo di lei solo quando si indurisce o si rompe il cavo o magari… dobbiamo impennare) e sempre uguale a se stesso, anche la frizione si sta evolvendo, ma ancor prima di lei si è evoluto il cambio che ha acquisito sistemi che consentono di usarla sempre meno, o non usarla per niente.

FrizioneNoGrazie-018

BMW R 1200 RT e Honda VFR1200F rappresentano i due mondi della cambiata evoluta. Quickshifter per la BMW, DCT per la Honda

Così, il mondo del motociclista sta lentamente cambiando sotto al nostro naso, a piccoli passi. Sono sempre più le moto stradali che adottano quelli che posso considerare sistemi di cambiata evoluta; sistemi che consentono di mantenere il feeling della cambiata, ma fanno sì che noi ci possiamo dimenticare della frizione. Prendete ad esempio la BMW R 1200 RT e Honda VFR1200F, loro sono due testimonial perfette dei due sistemi di cambiate evoluti attualmente sul mercato. La RT la conosciamo tutti, moto fenomenale per come riesce a unire comfort e capacità di carico a (soprattutto nell’ultima versione) una dinamica di guida capace di lasciare di stucco chi la approccia per la prima volta. Una moto da turismo che spesso diventa anche la moto quotidiana da vivere tutti i giorni e in qualsiasi stagione perché è comoda, versatile, protettiva.

QUICKSHIFTER
La RT è stata una delle prime moto BMW ad adottare il quickshifter “completo”, ovvero il cambio elettronico che funziona sia in salita sia in scalata. La soluzione, manco a dirlo, arriva dalle corse dove il cambio elettronico (per salire di rapporto) è utilizzato da parecchi anni. Non altrettanto “storico”, invece, il downshift elettronico che ha cominciato a diffondersi solo da qualche anno con l’arrivo dei sistemi ride by wire che consentono il “blip” ovvero la doppietta automatica.

FrizioneNoGrazie-009

Dietro i tubi del telaio, collegato all’asta di rinvio del cambio si nota il microinterruttore che comanda il cambio elettronico

In soldoni, questo sistema lavora in modo molto semplice: sul comando del cambio è posto un micro interruttore, quando azioniamo la leva per effettuare la cambiata, il micro interruttore manda un segnale elettrico alla centralina che toglie corrente per una frazione di secondo (circa un decimo, ma nelle moto da gara si scende anche a pochi millesimi) consentendo al motore di tagliare la potenza per il tempo strettamente necessario a inserire il rapporto superiore.

Tutta l’operazione si può fare senza chiudere il gas. In scalata al contrario, a gas tassativamente chiuso, il sistema manda un segnale alla centralina che apre le farfalle quel tanto che basta per favorire l’innesto della marcia inferiore. Semplice, e molto molto efficace. In pista questo sistema si traduce in una guida più fluida e in tempi sul giro nettamente migliori. Su strada, nell’utilizzo quotidiano, è invece di una comodità mostruosa, la frizione si utilizza solo per partire e una volta in movimento si comanda tutto solo con il piede sinistro: cambiata e scalata. Certo tirare la frizione non è un problema così grande, ma nemmeno alzarsi per cambiare canale sulla TV lo era, fino a che non hanno inventato il telecomando…  Se non avete mai avuto modo di provare un cambio del genere e vi capita l’occasione fatelo; vedrete che tornare indietro sarà molto difficile. La guida non è solo più comoda ma è anche più efficace. E il sistema è leggero perché cella di carico e una manciata di cavi non influenzano certo il peso generale della moto.

DUAL CLUTCH TRANSMISSION
Honda con il suo DCT si è spinta ancora più in avanti, sviluppando una tecnologia già utilizzata nel mondo auto ma che il colosso giapponese è stato in grado (unico per ora nel panorama motociclistico) di miniaturizzare al punto da poter essere inserita nel motore di una moto. La Tecnologia DCT ormai si è diffusa parecchio nella gamma Honda ma spetta alla VFR1200F il primato di prima moto al mondo con cambio a doppia frizione. Ormai siamo già alla terza generazione, ma il vero passo avanti il DCT lo ha fatto con la seconda generazione (quella adottata sulla VFR) che lavora in abbinamento con il Ride by Wire.

FrizioneNoGrazie-004

Il carter destro della Honda VFR1200F copre la doppia frizione

La VFR è ormai una moto che possiamo definire un classico, un tempo le Sport Touring erano come lei, oggi il cliente tipo di questo genere di moto preferisce una crossover che fa le stesse cose con maggiore comfort. Potente e veloce riesce ad essere perfino esaltante quando la strada si snoda attraverso velocissimi curvoni. Il problema è che il mondo non è fatto solo da velocissimi curvoni, ci sono anche i tornanti, le strade di montagna e le rotonde e lì con la VFR si soffre perché la V4 Honda non è così maneggevole e richiede una guida molto fisica a cui non siamo più abituati. Ma il bello di questa moto è usarla senza cambiare mai… La leva della frizione qui non c’è nemmeno più, della gestione della partenza si occupa in autonomia il DCT, che provvede a innestare anche le marce, ma che può essere usato anche manualmente con i pulsanti al manubrio.

Uno scooterone? Niente affatto, guidando la Honda non ci si sente mai meno motociclisti come scrissi in occasione del mio viaggio irlandese con tutte le Honda DCT. Il cambio a doppia frizione le marce la cambia e le scala come un cambio normale per cui il feeling della cambiata è lo stesso di un cambio tradizionale. E anche quando si sta guidando in automatico, approcciando una curva è possibile scalare in modo manuale per poi tornare con la funzione di autoritorno al cambio automatico.

La soddisfazione di guida, credetemi, non è nemmeno scalfita da questo cambio che anzi in certi frangenti può essere esaltante. Il DCT è un’altra cosa che, una volta provata, potrebbe far crollare molte convinzioni ferree. Honda lo sta lentamente portando sui modelli nuovi (vedi l’Africa Twin) perché per poterlo adottare serve progettare un motore da zero.

FrizioneNoGrazie-021Montarlo a posteriori è quindi impossibile, ma credo sinceramente che chi guida una RT potrebbe invidiare seriamente chi può usare questo tipo di cambio. Che su quel genere di moto ci starebbe alla grande e che ha il suo punto debole nel peso. Circa 10 kg in più di un cambio tradizionale si fanno sentire soprattutto se la moto su cui è montato è leggera.

E IL FUTURO? 
Parla di DCT, certo, ma anche di cambi tradizionali con frizioni ulteriormente evolute e anche di moto con cambio automatico. Prototipi di frizione che consentiranno di fermarsi senza che sia necessario tirare la leva e una volta ripartiti consentano di cambiare normalmente (magari con il cambio elettronico) stanno già girando su alcune moto per test evoluti. A quel punto avremo la botte piena e la moglie ubriaca.

Articoli correlati

Continua...BMWR1200RT20140009

Prova BMW R 1200 RT 2014

Per la BMW R 1200 RT 2014 arriva il boxer da 125 cv raffreddato a liquido.
02 febbraio 2014
Continua...DuelCambioelettronico-35

Gear by Wire – Il futuro del cambio

Auto, moto e bici: tre mezzi di trasporto molto differenti, ma questa volta con un punto in comune, il cambio elettronico....
17 gennaio 2015
Continua...HondaDCTExperieceCover

Honda DCT Experience Irlanda

680 chilometri attraverso l’isola dello smeraldo, in moto e senza mai usare la frizione.
20 aprile 2013
Continua...Grazie agli ingranaggi colorati diversamente e alle relative frizioni capire il funzionamento del DCT Honda è piuttosto intuitivo

Come funziona il cambio Honda DCT

Due frizioni, tre logiche di funzionamento, tanta tecnologia.
19 agosto 2012