Prova Moto Guzzi V7 II Stornello

Sotto c'è una Moto Guzzi V7 II, sopra tante suggestioni: Merito della combinazione di tanti accessori originali, che fanno dello Stornello una "special di serie", di immagine e di sostanza. Ecco come Moto Guzzi affronta, bene, il tema Scrambler. Serie limitata a 10.550 euro

Pubblicato giovedì 05 maggio 2016 · da
LIVE RIDE

Di questo modello abbiamo parlato molto negli ultimi anni (leggi la prova), anche perché è il più venduto della gamma Moto Guzzi. Nonché il principale artefice di un rilancio che è nei fatti, e che auspicabilmente porterà al centesimo anniversario dalla fondazione, nel 2021, un’azienda finalmente restituita ai fasti del passato. E proprio nella storia del marchio affonda le sue radici questa versione speciale della V7 II, che si ispira allo Stornello lanciato nel 1960 e in produzione per 15 anni, in particolare lo Stornello Scrambler America del 1967. Uno degli obiettivi? Dimostrare che dalle parti di Mandello il concetto di “scrambler” era noto e popolare ben prima che tornasse di moda in Italia e nel mondo, rilanciato soprattutto dalla principale concorrente di questa Moto Guzzi, ossia la Ducati Scrambler.

Moto Guzzi V7 II Stornello statiche - 10

Proposta a 10.550 euro, la Moto Guzzi Stornello è una edizione limitata e numerata di 1.000 esemplari. Moto che soddisferanno presumibilmente due esigenze: personalizzazione “di serie”, ossia con accessori originali disegnati, sviluppati e omologati sotto il diretto controllo del costruttore; suggestione scrambler, che significa innanzitutto usare la moto tutti i giorni, dall’aperitivo in centro alla strada bianca in collina.

Moto Guzzi V7 II Stornello statiche - 14

Lo Stornello su base V7 II nasce dalle richieste di clienti e concessionari, attingendo al catalogo composto da oltre 110 accessori originali – ossia sottoposti a test di funzionalità e durata come i componenti di primo equipaggiamento, oltre che omologati – per creare una moto di taglio scrambler. Il risultato? Una bella combinazione tra cura del dettaglio, accoppiamenti di colore e pezzi forti come il suggestivo scarico completo omologato Arrow due-in-uno. Non mancano la sella lunga, i cerchi a raggi della V7 II Special – qui con pneumatici tassellati marchiati “Golden Tyre” (…) – e le protezioni in gomma sul serbatoio. Tra le parti metalliche specifiche vanno annoverati i coperchi degli iniettori, i fianchetti laterali, le pedane offroad, le tre tabelle portanumero in alluminio satinato e i parafanghi con trattamento spazzolato.

Moto Guzzi V7 II Stornello statiche - 5

La base tecnica è quella ormai più che nota della V7 II: motore bicilindrico trasversale a V di 90°, riposizionato sulla V7 II inclinandolo di 4° in avanti e abbassandolo di 10 mm; escursione negativa degli ammortizzatori cresciuta di 50 mm, con l’uscita dell’albero di trasmissione abbassata per far lavorare meglio la sospensione posteriore. Sviluppato appositamente per la V7 II è il cambio a sei marce con rapporti ravvicinati; il montaggio di pedane abbassate di 25 mm, in combinazione con il citato riposizionamento del motore, rende la posizione di guida meno ostica anche per i più alti. Di serie sono montati sia l’ABS sia il controllo di trazione (MGCT) disinseribile.

Articoli correlati

Continua...

Prova nuova Triumph Bonneville Bobber

L'occasione buona per godersi da soli tutto il piacere del bicilindrico più gustoso della famiglia Bonneville arriverà...
16 dicembre 2016
Continua...

Prova BMW G 310 R

BMW debutta con un progetto molto ben riuscito nel segmento delle World Bike.
14 dicembre 2016
Continua...

Prova Moto Guzzi MGX-21, l’anticonformista

Costa 23.900 euro franco concessionario la "bagger veloce" che fa dell'originalità il suo tratto distintivo.
08 settembre 2016
Continua...

Moto Guzzi Open House 2016: edizione da record

Oltre 25.000 persone sono accorse a Mandello per l'evento Moto Guzzi Open House 2016, con test ride, visite al Museo e molto...
12 settembre 2016