BMW C650S 05_01

Prova BMW C 650 Sport e C 650 GT

Anche il nome è cambiato, a significare che lo step evolutivo è stato importante. I nuovi C 650 sono stati sostanzialmente rivisti: si guidano meglio e sono più piacevoli, con un occhio alla sicurezza grazie al Side View Assist

Pubblicato sabato 31 ottobre 2015 · da
LIVE RIDE

Avevamo promesso di tornare sull’argomento una volta verificato se in Baviera avessero effettivamente rifatto il buco delle ciambelle C 650… Ebbene, eccoci qui, appena tornati da Valencia dove abbiamo provato per un’intera giornata i due maxi BMW. Ve lo diciamo subito, il buco questa volta è riuscito: GT e Sport sono pronti per giocarsela ad armi pari sul mercato, anche se per quest’ultimo la latente sfida al T-Max si prospetta comunque ardua. BMW si trova, in questo frangente, nella stessa situazione di tutti i suoi competitor che cercano non dico di rubare lo scettro, ma quantomeno quote di mercato alla sua R 1200 GS; con l’aggravante che in tutti questi anni, un vero contendente il T-Max non l’ha mai avuto.

Ma andiamo con ordine. Tutto ciò che avremmo dovuto aspettarci dai due maxi scooter ce lo avevano già anticipato i camici bianchi di BMW un mesetto fa, dopo la loro presentazione: ci avevano spiegato che erano state riviste la ciclistica e tutta la catena cinematica, il che non è poco. Se poi aggiungiamo che ci avevano anticipato modifiche alla centralina e all’impianto di scarico, oltre che un miglioramento diffuso alle finiture, la voglia di toccare con mano era tanta.

BMW C650 b

Già a un primo sguardo si apprezzano le differenze con i capostipite. Soprattutto per quanto riguarda il C 650 Sport, che presenta linee profondamente riviste e una personalità più spiccata.

Esteticamente su entrambi i modelli si nota che il designer ci ha rimesso la matita. Lo Sport in particolare ha una linea del tutto nuova, che ben interpreta la filosofia BMW a due ruote “nose down, tail up, split face” (linee caricate sull’avantreno e profilo frontale diviso a metà) e il nuovo scarico, con terminale sdoppiato, che enfatizza l’indole sportiva. Sul GT si notano il nuovo gruppo ottico posteriore, le carene che corrono sotto la sella e lo scarico, che riprende le forme di quello dello Sport.

Sono nuovi e comuni ai due scooter i quadranti della strumentazione, completa e leggibile in ogni situazione di luce, e i rivestimenti del manubrio, impreziositi da inserti cromati. I blocchetti differiscono solo per la presenza, su quello sinistro del GT, del comando elettrico del parabrezza; a destra ci sono i controlli del riscaldamento delle manopole e della porzione di sella del pilota, mentre l’interruttore per azionare quello che allieterà gli inverni del passeggero è sul fianco della sella.

BMW C 650 Sport

Nulla è cambiato per quanto riguarda lo spazio di carico, abbondante e sempre apprezzato: sul C 650 GT il vano sottosella ha un volume di circa 60 litri, è illuminato e può contenere due caschi. Chissà se in futuro ci troveremo anche una presa USB per caricare e connettere i nostri dispositivi elettronici… Anche sul C 650 Sport, sebbene il codino sia più snello e filante, in BMW sono riusciti a studiare e brevettare uno stratagemma che permette di alloggiare due caschi integrali. Si chiama Flexcase ed è un soffietto inserito nella base del vano sottosella, la cui apertura permette di ampliare lo spazio di carico verso il basso. Realizzato con un materiale resistente e flessibile sulla base del Kevlar, crea una tasca flessibile, impermeabile e resistente allo sporco da utilizzare a scooter parcheggiato. Durante la guida il coperchio del Flexcase resta chiuso e un interruttore di sicurezza rende impossibile l’avviamento del motore a coperchio aperto.

Entrambi i modelli hanno conservato i due vani portaoggetti ricavati nello scudo, di cui quello di sinistra, particolarmente profondo, con una serratura che si blocca quando si chiude lo scooter. Ad essere sinceri, i due coperchi e le relative cerniere sono forse l’ultimo particolare poco raffinato rimasto sul C 650.

Come di consueto gli scooter che abbiamo provato erano full optional e comprendevano tutte le opzioni dei pacchetti a listino: Highline per C 650 Sport con manopole e sella riscaldate, controllo pressione pneumatici (RDC), luce diurna e indicatori di direzione LED. Highline per C 650 GT con manopole e sella riscaldate, controllo pressione pneumatici (RDC). Pacchetto di sicurezza per C 650 GT con luce diurna e Side View Assist (SVA).

C 650 Sport e C 650 GT saranno in vendita a partire dal 5 dicembre 2015, a un prezzo rispettivamente di 11.450 e 11.750 euro chiavi in mano, con costi di preconsegna, immatricolazione e primo tagliando inclusi. Entrambi i modelli saranno disponibili anche in versione da 35 kW (48 CV). Per coloro che vorrebbero uno scooter BMW, ma non questo, da Monaco confermano che nel prossimo il futuro si assisterà a un ampliamento della gamma verso il basso…

Articoli correlati

Continua...Yamaha TMax 2015 dinamiche-2

Prova Yamaha TMax 2015

Dalla smartkey alla forcella a steli rovesciati: il TMax è ancora più ricco, a parità di prezzo.
01 febbraio 2015
Continua...HondaIntegra7su7-027

7 su 7 con Honda Integra

Un normale utente, ex motociclista con la voglia di ritornare a muoversi su due ruote, per lavoro e per svago.
02 dicembre 2014
Continua...SuzukiBurgman650-019

Prova Suzuki Burgman 650 2013

Si rinnova uno dei maxi scooter più riusciti.
26 febbraio 2013
Continua...東京車展邀請函-K50-B版

Teaser: Kymco K50 Concept. Il maxi che mancava

I secondi cinquant'anni della storia Kymco cominciano con il botto..
23 marzo 2016