Enduro e Gravel le novità Michelin 2018

9 maggio 2018 - 12:05

Nel 2017 Michelin si è concentrata su XC e All Mountain, con quattro prodotti della famiglia Competition (top di gamma) che coprivano l’80% del mercato.
Questo è invece l’anno dell’Enduro, disciplina banco di prova per studiare e sviluppare alcune delle soluzioni che saranno poi trasmesse al resto delle attività off-road.
A dare l’idea dell’impegno di Michelin (che notoriamente non ricopre d’oro i suoi testimonial..) è l’elenco dei più forti pro-rider che questa stagione userano le gomme con il Bibendum: Adrien Dailly, Jérôme Clementz, Karim Amour e Remy Absalon, senza dimenticare un certo Nico Vouilloz e il pluritricolore Vittorio Gambirasio.


PAROLA D’ORDINE VERSATILITÀ
Sono due anni che atleti e tecnici Michelin stanno lavorando al nuovo progetto Wild Enduro (dal 2015 per carcasse e mescole, dal 2016 per la scolpitura) con l’ambizioso obbiettivo di realizzare una gomma capace di grandi performance sulla quasi totalità dei terreni e delle condizioni di utilizzo.
In questo modo, oltre a semplificare la scelta si diminuiscono anche i costi per gli amatori che possono contare su un solo set ad ampio spettro di utilizzo, senza doversi riempire l’auto di gomme o accontentarsi di compromessi poco efficaci. Una polivalenza che copre terreni misti come il sottobosco, ma anche fondi umidi, duri, secchi e sabbiosi.
Come consuetudine è stata mantenuta la distinzione front/rear, motivata da esigenze ben precise e caratterizzata da scelte in termini di disegni, mescole e carcassa: l’anteriore deve trasmettere feeling, essere preciso nelle traiettorie ed eccellente in frenata, il posteriore deve garantire trazione, essere efficiente in frenata e durare.
MESCOLE, CARCASSE E DISEGNI
Novità nelle tecnologie, soprattutto a livello di mescola, con l’introduzione della Magi-X2, nuovo fiore all’occhiello della famiglia Magi-x, realizzata proprio per le gomme anteriori da Enduro e caratterizzata da grip e tenuta superiori, che garantisce aderenza in frenata e tenuta in curva, in una parola un eccellente feeling con l’avantreno.
Alla famiglia Gum-X appartiene invece la mescola Gum-X3D impiegata per la posteriore e proposta anche per l’anteriore, che abbina doti di grip, rendimento e durata.

Le due gomme anteriori condividono la carcassa, costruita con tecnologia Gravity Shield e realizzata in 3X60 TPI per avere robustezza e leggerezza con rinforzi ad alta densità.
La Wild Enduro posteriore ha invece carcassa in 3×33 TPI con rinforzi ad alta densità e la nuova Pinch Protection, un rinforzo posto sopra il cerchietto per scongiurare pizzicature.

Infine i disegni, caratterizzati da tasselli laterali molto aggressivi (più squadrati sulla posteriore e con rampa più pronunciata all’anteriore) e tasselli centrali disposti su due file in modo asimmetrico (di dimensioni più piccole sulla gomma posteriore) e piuttosto spaziati, per ottimizzare scorrevolezza e velocità.

TRE PER DUE PER UNO
Tre dunque sono le nuove Michelin Wild Enduro (due anteriori e una posteriore) e due sono le mescole fra le quali è possibile scegliere l’anteriore (la nuova Magi-X2 e la Gum-X3D la medesima usata al posteriore).
Una è invece la misura, comune a tutte e tre le gomme, ossia 2,4″ (dimensione “vera”, non un 2,35″ calcolato per eccesso…), declinata nei diametri 27,5″ e 29″.
E per essere un 2,4″ i pesi non sono affatto male, con il posteriore in linea con la concorrenza e l’anteriore che si posiziona fra i pneumatici leggeri (rispettivamente 980 g e 1.030 g il loro peso medio).
I nuovi Wild Enduro sono E-Bike Ready, ossia compatibili con le e-Mtb e già disponibili nella misura 27,5″, mentre per i 29″ bisognerà aspettare agosto.
 GRAVEL: IL MOMENTO È GIUSTO 

Mancava nel catalogo di un grande marchio come Michelin una gomma specifica da Gravel. Ora la lacuna è colmata grazie a Power Gravel, pneumatico della linea Performance, costruito con tecnologia premium.
La carcassa è 3×120 TPI, leggera e scorrevole, con protezione totale da cerchietto a cerchietto Bead to Bead Protek. La mescola utilizzata è la nuova X-Miles Compound che, come dice il nome, assicura lunga durata e prestazioni costanti nel tempo; il disegno del battistrada è caratterizzato da piccoli tasselli al centro che offrono scarsa resistenza al rotolamento e nel contempo buon grip sui fondi misti, mentre i tasselli più pronunciati sulla spalla promettono buona tenuta in curva.
La Power Gravel è naturalmente tubeless ready e disc brake ready, per venire incontro alle esigenze sempre più diffuse nel mondo Gravel, ed è disponibile nelle tre misure 33c, 35c e 40c. Seguiteci perché la testeremo nella Gravel Road Series World Edition di Alba…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Prova Bridgestone Blizzak LM005, l’invernale… “giudizioso”

Le più belle bici da corsa in titanio

Troy Lee Designs, la linea MTB 2019