Nel listino dell’italiana Caberg c’è una novità: si chiama Caberg Drift Evo e affianca il suo omonimo Drift. Rispetto a quest’ultimo presenta non poche novità, una su tutte il nuovo profilo alare posteriore, che dovrebbe ridurre le turbolenze ad alta velocità. E poi ci sono gli interni, rivisti nei guanciali per garantire più comfort a chi lo indossa, la calotta ora prodotta in due diverse misure a seconda della taglia (piccola per le taglie dalla XS alla M e più grande per le taglie dalla L alla XXL), la visiera con un nuovo di sistema di chiusura, più intuitivo, e il sistema di ventilazione ottimizzato.

Il Caberg Drift Evo è disponibile nella versione Speedster (1.350 grammi, 299,99 euro), con calotta in tricomposito (carbonio, kevlar e fibra di vetro) e nella versione Carbon (1.250 grammi, 379,99 euro), con calotta in fibra di carbonio. Entrambe le versioni hanno gli interni completamente sfoderabili e lavabili e non manca il visierino interno parasole.

 

CONDIVIDI
Alessandro ha 14 anni quando il suo migliore amico si presenta sotto casa con un MBK Booster fiammante, elaborato che manco quelli da trofeo. Ale non sta nella pelle, lo vuole provare subito. L’amico glielo concede raccomandando la massima cautela perché “l’ho appena preso”. La sequenza successiva è: 30 metri con le due ruote a terra, impennata, cappottata e perdita probabile di una amicizia. Da quell’esperienza Alessandro poteva capire due cose: Le moto non facevano per lui. Le moto sarebbero state il suo futuro. Purtroppo ha capito quella sbagliata e ce lo siamo ritrovati a RED. Da quando ha 22 anni, tra un esame e l’altro della facoltà di Ingegneria meccanica (poi terminata con la Laurea) ha iniziato a provare moto di ogni genere: dallo scooter (memore della sua fantastica prima esperienza) alle supersportive da gara, passando per custom, enduro e bagger da 400 kg. Sempre con la voglia di raccontarle e sempre tenendo a mente l’espressione stupita (ancora non sappiamo se felice) del suo amico (incredibilmente rimasto amico) in quel fatidico pomeriggio. Oggi a RED prova e racconta ancora moto di ogni tipo. E non impenna (quasi) più.