Come iniziare a guidare la moto

Una serie di utili consigli per iniziare a guidare la moto. Cosa fare? Esiste qualche trucco? Aver conseguito la patente mi rende un abile pilota? Qui le risposte...

951

10QUALCHE CONSIGLIO PER INIZIARE A GUIDARE LA MOTO

Ce l’hai fatta! Alla fine hai fatto la patente A, hai comprato la moto seguendo i nostri consigli (qui la nostra guida su come scegliere la prima moto) e sei tutto un fremito all’idea della libertà che potrà darti la moto. Scendi in garage, accendi la tua belva e un po’ tentennante molli la frizione e parti. Sulla rampa del box trattieni il fiato e t’irrigidisci come un riccio in pericolo, ma con una zampata felina rimani in piedi. Fai finta di nulla. Ti butti nel traffico come un ubriaco, schivi un paio di rispettabili anziane sulle strisce (che non perdono occasione di lanciarti qualche anatema) e per un soffio eviti un frontale con un bus di linea. Ti era scappata la frizione. Insomma invece che divertirti, stai rischiando la pelle a ogni semaforo e con la moto ti senti a tuo agio come a un convegno di alcolisti anonimi. Eppure, tutti i tuoi amici ti avevano promesso divertimento… Che succede?

Guida in piedi

Se anche tu hai avuto queste sensazioni, tranquillo: non sei uno sfigato, hai solo bisogno di fare pratica. Tutti hanno imparato da qualche parte, tutti hanno tirato per la prima volta una frizione, tutti si sono sentiti fuori luogo (almeno all’inizio) guidando la moto. Ecco perché ho pensato che una guida pratica su come iniziare a guidare la moto fosse una buona idea. Una serie di consigli pratici per il novizio che non sa dove sbattere la testa: tutto quello che ho imparato in anni di prove, test, corsi di guida ed esperienza personale. Buona lettura!

Indietro
CONDIVIDI
Alessandro ha 14 anni quando il suo migliore amico si presenta sotto casa con un MBK Booster fiammante, elaborato che manco quelli da trofeo. Ale non sta nella pelle, lo vuole provare subito. L’amico glielo concede raccomandando la massima cautela perché “l’ho appena preso”. La sequenza successiva è: 30 metri con le due ruote a terra, impennata, cappottata e perdita probabile di una amicizia. Da quell’esperienza Alessandro poteva capire due cose: Le moto non facevano per lui. Le moto sarebbero state il suo futuro. Purtroppo ha capito quella sbagliata e ce lo siamo ritrovati a RED. Da quando ha 22 anni, tra un esame e l’altro della facoltà di Ingegneria meccanica (poi terminata con la Laurea) ha iniziato a provare moto di ogni genere: dallo scooter (memore della sua fantastica prima esperienza) alle supersportive da gara, passando per custom, enduro e bagger da 400 kg. Sempre con la voglia di raccontarle e sempre tenendo a mente l’espressione stupita (ancora non sappiamo se felice) del suo amico (incredibilmente rimasto amico) in quel fatidico pomeriggio. Oggi a RED prova e racconta ancora moto di ogni tipo. E non impenna (quasi) più.