Di solito agosto è un mese di calma piatta per il settore moto: quest’anno, invece, c’è qualcosa da raccontare grazie a MV Agusta, che ha adeguato le sue “3 Pistoni” alla normativa Euro4, così da mettere in regola tutta la gamma a tre cilindri. Le ultime arrivate sono la MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4. Come spesso accade in queste circostanze, l’occasione è stata utile per ritoccare o addirittura progettare ex novo numerosi componenti meccanici.

Stessa potenza

mv agusta dragster rr - laterale

Un aspetto significativo è che i valori di potenza e coppia di MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 non sono cambiati: 128 cv a 14.400 giri/min e 71 Nm per la 675, 148 cv a 13.000 giri e 88 Nm per la F3 800 e infine 140 cv a 12.500 giri e 87 Nm per la Dragster RR.

Sulle nuove MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 c’è innanzitutto un nuovo contralbero che garantisce meno massa e attriti; inedite valvole con relative sedi e molle (tutto più leggero e resistente), il cambio completamente rivisto negli innesti e che garantisce maggior precisione e minor sforzo alla leva, lo scarico a sezione aumentata con catalizzatore a celle più dense, i coperchi motore più resistenti in caso di caduta e la pompa olio-acqua con ingranaggi nuovi. Non manca nemmeno l’harmonic damper, un tendicatena meccanico (sui modelli precedenti era idraulico) che riduce il rumore di distribuzione. Per le sole F3 è previsto anche un nuovo punto di attacco tra motore e telaio, definito in modo da ottenere maggior rigidità. I nuovi carter motore sono parte di un accurato studio sulla rumorosità: oltre a ridurre l’impatto sonoro, preservano le frequenze caratteristiche, quelle che piacciono ai motociclisti e contribuiscono a rendere emozionante la guida. In più sono utili in caso di caduta, perché riducono quanto più possibile i danni al motore e al veicolo nel suo complesso.

mv agusta motore 3 cilindri

A livello di elettronica sono stati completamente rivisti tutti i parametri di funzionamento, soprattutto la mappatura in fase di avviamento. Anche il Traction Control e il cambio elettronico EAS 2.0 sono stati sottoposti a un accurato lavoro di miglioramento per essere più dolci e soprattutto efficaci.