Spiata da tempo, annunciata da altrettanto con il motore "triple" da 800 cc. Ai tempi delle prime foto rubate, a RED ci siamo sentiti di puntare la nostra fiche sulla conferma del motore 675. Beh, la scommessa l’abbiamo vinta noi, perché anche la nuova Street Triple 2013 monterà l’ottimo tre cilindri da 675 cc e 105 cv a 11.850 giri che già equipaggia la moto attuale. Dove sono le novità, quindi? Nel look, innanzitutto, e poi nella ciclistica.

Il grosso del lavoro di tecnici e collaudatori è stato infatti rivolto a rendere una delle naked medie più gustose sul mercato ancora più guidabile. Ecco perché arriva un telaio lievemente rivisto nelle misure (inclinazione cannotto da 24°3’ a 24° 1’, avancorsa cresciuta da 95,3 mm a 99,6) e soprattutto cambia la disposizione dello scarico. Triumph era in effetti rimasta una delle poche Case a usare ancora lo scarico alto, soluzione ormai un po’ fuori moda ma anche poco efficace tecnicamente. Molto meglio se i pesi se ne stanno il più vicino possibile al baricentro, per migliorare la rapidità di azione. Lo scarico si sposta in basso con una soluzione, ce lo conceda Triumph, molto simile a quella utilizzata da Honda per la sua CB1000R. Di nuovo c’è anche il peso, ben 6 kg in meno rispetto alla versione precedente: la nuova Street ferma la bilancia a 183 kg in ordine di marcia. Era leggera prima, ora lo è ancora di più.

Confermate le altre dotazioni tecniche, come la forcella Kayaba con steli di 41 mm di diametro e i freni Nissin con pinze flottanti a due pistoncini che agiscono su dischi da 310 mm di diametro. Le stesse modifiche sono naturalmente adottate anche dalla Street Triple R, la versione più sportiva della Street Triple 2013 che si differenzia dalla versione “base” per l’adozione di sospensioni più raffinate (più regolazioni per monoammortizzatore e forcella) e delle pinze radiali Nissin. Entrambe le nuove Street Triple saranno disponibili anche con ABS.