Continental, la frontiera dell’interfaccia moto-pilota

La strumentazione con display TFT è una realtà. A prezzi ragionevoli

1 luglio 2013 - 16:07

Le applicazioni motociclistiche dei display con tecnologia TFT (Thin Film Transistor) si scontrano con le molteplici condizioni di luce che il motociclista deve affrontare. L'esperienza Continental ha permesso di superare questi problemi, realizzando cruscotti che uniscono compattezza, precisione, leggibilità e prezzo contenuto, oltre a raccogliere e visualizzare moltissime informazioni, comprese quelle relative al riscaldamento delle manopole o alle funzioni dello smartphone. Il risultato è stato reso possibile dall'impiego di display transflettivi da 4,2” con risoluzione di 480 x 272 pixel, ideali anche per riprodurre grafiche complesse. "Questa tipologia di prodotti a prezzi accessibili, ci permette di offrire ai produttori di moto soluzioni elettroniche in grado di soddisfare le esigenze degli utenti, sempre alla ricerca di prodotti efficienti, ed economicamente vantaggiose, in linea con i mercati emergenti come Cina e India” ha dichiarato Michael Ruf, Head of the Business Unit Commercial Vehicles & Aftermarket di Continental. Qualunque sia la strumentazione richiesta – soluzioni digitali completamente integrate, cluster modulari o singoli display – Continental può affidarsi a sinergie importanti. Gli utenti possono, infatti, beneficiare della competenza di un marchio storico, la cui forza innovatrice e garanzia di qualità stabiliscono nuovi standard software, tecnologia di visualizzazione e di trattamento delle superfici. La rete internazionale capillare delle sedi destinate allo sviluppo e alla produzione permette di rendere disponibili ai produttori di moto le ultime innovazioni nel più breve tempo possibile, riducendo al massimo i tempi di consegna. Inoltre Continental risponde alle esigenze del mercato senza trascurare le necessità dei produttori fin dalla primissima fase di sviluppo. "I nostri sviluppatori e designer sono costantemente in contatto con i produttori di motocicli. Ciò significa che le nostre idee, ma anche le Vision e le sfide delle case motociclistiche vengono valutate per i processi di sviluppo".

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Prova Dunlop D213 GP Pro, arriva l’anteriore “morbido”

Michelin Uptis
Senza aria e a prova di foratura

Sicilian Symphony, la prova più folle del mondo