Continental SportContact 6: DNA sportivo

Il nuovo pneumatico high performance tedesco si avvale della mescola Black Chili con micro ventose e della cintura di rinforzo in Aralon; massime prestazioni sino a 350 km/h.

7 settembre 2015 - 14:09

Morde l’asfalto con la tenacia di un pitbull. Il nuovo SportContact 6 è lo pneumatico sportivo Continental destinato alle vetture high performance. Rispetto al precedente modello promette un incremento delle prestazioni sino al 14%, complice la rivisitazione della mescola, del disegno e della struttura del battistrada.

Composizione chimica, layout e costruzione: non poteva cambiare più radicalmente! Rispetto al predecessore, vale a dire il ContiSportContact 5P, si avvale di una nuova versione della mescola ad alta aderenza Black Chili, progettata per “fondersi” con l’asfalto. Follia? Assolutamente no. Tramite connessioni atomiche, il battistrada, forte di micro ventose che agiscono a livello nanoscopico, si lega alle irregolarità del manto stradale portando in dote un’aderenza superiore allo standard in frenata, accelerazione e percorrenza di curva.

In funzione delle dimensioni dello pneumatico, disponibile in 41 misure per cerchi da 19 a 23 pollici, il battistrada presenta 3 o 4 scanalature longitudinali centrali e delle nervature asimmetriche che favoriscono l’appoggio in corrispondenza della spalla esterna; condizione nella quale si apprezza l’azione dei blocchi in gomma, interconnessi così da supportarsi a vicenda. In aggiunta, l’inedito materiale Aralon 350 garantisce la massima sicurezza sino a 350 km/h; si tratta, nel dettaglio, di una fibra sintetica composta da due filati rigidi di aramide intrecciati con un più flessibile elemento in nylon che vanno a comporre una prima cintura tessile priva di elementi di giunzione, collocata immediatamente sotto al battistrada in funzione di rinforzo. Una struttura a dir poco “corazzata”!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Prova Dunlop D213 GP Pro, arriva l’anteriore “morbido”

Michelin Uptis
Senza aria e a prova di foratura

Sicilian Symphony, la prova più folle del mondo