Per fare contenti proprio tutti, Bridgestone raddoppia la sua offerta Battlax con SC2 e SC2 Rain per permettere a ogni “maxi-scooterista” di infilare sulle ruote ciò di cui ha davvero bisogno, senza compromessi, sia che possieda un modello sportivo sia touring, sia che guidi solo quando il tempo è ideale oppure che non si fermi davanti a pioggia o gelo.

UNA DISCENDENZA ILLUSTRE

Per realizzare una gomma capace di far scordare in fretta il vecchio (e apprezzato) Battlax SC, in Bridgestone hanno attinto a piene mani dalla gamma Battlax moto, in particolare da due modelli top in fatto di prestazioni sportive e touring.
Se l’Hypersport S21 ha ispirato l’SC2, che presenta caratteristiche analoghe in fatto di disegno e struttura, la musa dell’SC2 Rain è stata lo Sport Touring T31, caratterizzato da eccellenti doti di tenuta e confidenza sul bagnato e a basse temperature.

COME E PERCHÈ

Come sono fatte e quali obiettivi perseguono le nuove SC2? I due aspetti sono ovviamente legati a doppio filo e sono riconducibili a sei tecnologie principali in termini di mescola e costruzione.

-Tecnologia 3LC: utilizzo di una nuova mescola a triplo strato, più morbida sulla spalla, sviluppata per offrire maggiore stabilità e aderenza in curva senza pagare in termini di stabilità in frenata e durata.
-Tecnologia RC Polymer: ottimizza la distribuzione della silice nella mescola di gomma e potenzia la flessibilità del battistrada, producendo maggiore contatto con il fondo stradale e riducendo la resistenza al rotolamento.
-Tecnologia Silica Rich EX: il maggior contenuto di silice garantisce miglior grip chimico e offre allo pneumatico anteriore ottimali prestazioni sul bagnato. La combinazione con il polimero RC potenzia l’effetto della silice e incrementa la resistenza all’usura.
-Tecnologia NanoPro-Tech:permette di controllare l’interazione tra i polimeri, il materiale di rinforzo e le altre sostanze chimiche della gomma. Ciò contribuisce a ridurre il surriscaldamento e la deformazione, garantendo migliore aderenza del battistrada e maggiore durata.
-Tecnologia MSB: Mono Spiral Belt, ossia costruzione con una singola cintura continua monospirale avvolta attorno alla circonferenza del pneumatico. Permette di eliminare le sovrapposizioni di cinture, le cuciture e le giunture, quindi di ridurre il calore generato dal rotolamento e garantire maggiore stabilità.
-Tecnologia HTSPC: permette l’impiego di 5 filamenti di acciaio distinti in un cavo MSB per avere massima rigidità, flessibilità e assorbimento degli urti. I pneumatici costruiti con questa tecnologia assicurano grande aderenza e maneggevolezza.

NON SOLO MAXI

I nuovi Bridgestone Battlax SC2 e SC2 Rain sono stati sviluppati espressamente per esaltare le prestazioni dei maxi scooter, sportivi o touring che siano, e quindi sono disponibili nelle misure 120/70R15 e R14 (solo per SC2) all’anteriore e 160/60R14 e R15 al posteriore, mentre in versione Rain è stato inserito anche il 130/70R16, che strizza l’occhio, per esempio, all’Honda SH300.

 RIDE 

Mentre da noi l’inverno dava il suo colpo di coda, a Lisbona, meta scelta da Bridgestone per il lancio delle nuove  Battlax SC2, la gente girava in maglietta cercando il refrigerio dell’ombra… Se le premesse non avrebbero potuto essere migliori per un weekend da turista, si sono rivelate invece un po’ limitanti nella nostra situazione di tester su strada, impedendoci di apprezzare come avremmo voluto il comportamento delle SC2 Rain sul loro terreno di conquista. In compenso non avrebbero potuto esserci condizioni migliori per divertirsi fra le curve con le SC2.

UN NUTRITO PARCO SCOOTER

BMW con i due C 650 GT e Sport, Suzuki con il Burgman 650, Yamaha con la famiglia TMax al completo (DX, SX e SX Sport Edition). Mancava solo il Kymco con l’AK550 e il panorama dei maxi a nostra disposizione sarebbe stato completo. Quasi tutti gli scooter erano montati in doppia versione asciutto e Rain così da permetterci di meglio valutare il comportamento dei due modelli.

FUGA DALLA CITTÀ

La prima parte del test la effettuiamo fra le congestionate strade del centro. Ripidi saliscendi, scivolosi pavé e insidiose rotaie dei tram per poi spostarci più rapidamente sullo spettacolare ponte Vasco da Gama che attraversa l’estuario del Tago e porta a Sud.
Abbiamo dunque modo di apprezzare la maneggevolezza e il comfort dei due pneumatici, la cui carcassa aiuta a filtrare le sconnessioni di un terreno così difficile. La differenza fra le due versioni è impercettibile, al contrario si notano di più le differenze fra i reparti sospensioni dei maxi che ogni tanto ci scambiamo…
La seconda parte del percorso è tracciata nell’entroterra che da Montijo scende a Setubal; tratti abbastanza veloci e lineari che permettono di valutare (e gradire) la stabilità delle SC2 e la loro precisione sul dritto, ancora una volta con comportamento estremamente simile fra i due modelli.

A metà dei 130 km previsti si comincia finalmente a salire e, conseguenza quasi ineluttabile, a piegare… Si ha la sensazione che la Rain, data la maggior presenza di pieni/vuoti si scaldi prima, ma la temperatura di aria e asfalto ci mette anche del suo. Entrambe le gomme offrono ottime sensazioni in termini di confidenza e prevedibilità, rapidità e gradualità di discesa in curva e grip (la doppia mescola morbida sulle spalle e più dura al centro ha il suo perché). La stabilità è eccellente anche in frenata e, quando le ruote sono quelle del TMax o del C 650 Sport, la guida sportiva diventa davvero sportiva.

QUINDI, QUALE SCEGLIERE?

È la domanda che mi sono fatto mentre, sulla via del rientro, percorrevamo l’altro ponte simbolo di Lisbona, il 25 de Abril, fratello del Golden Gate di San Francisco. La risposta, facile, è arrivata prima della fine del ponte: la mia scelta è per le SC2 Rain, che a parità di prestazioni sull’asciutto offrono qualcosa in più quando meteo e temperature sono meno clementi. E non mi preoccuperei più di tanto della durata perché gli uomini Bridgestone mi hanno promesso chilometraggi molto simili… Se però siete di quelli che usano lo scooter solo con il solleone e il vostro gusto estetico non sopporta qualche intaglio in più sul battistrada, allora sposate l’SC2 e vivrete felici e contenti.