- Pubblicità -

Fare il “pieno” con il sole è un sogno che l’uomo coltiva da tempo. Se, da un lato, già oggi è possibile ricaricare le batterie di una vettura elettrica o ibrida plug-in grazie all’energia raccolta da una centrale fotovoltaica, dall’altro non si è ancora assistito all’introduzione sul mercato di modelli in grado d’attingere direttamente all’irradiazione solare. Fatta eccezione per alcuni prototipi, questa frontiera è ancora lontana. A meno che il progetto della cinese Hanergy trovi applicazione…

HanergySolar-003
La monovolume concept Hanergy Solar

Specializzata nella produzione di pannelli fotovoltaici, Hanergy Holding Group ha recentemente presentato una serie di moduli flessibili a film sottile costituiti da celle all’arseniuro di gallio – un semiconduttore – in grado di trasformare in energia il 31,6% dell’irradiazione solare. Una resa a dir poco eccezionale che ha meritato il riconoscimento del National Renewable Energy Laboratory (NREL) – il laboratorio nazionale americano per le energie rinnovabili – per il più alto tasso di conversione al mondo. Per dimostrate le performance delle proprie pellicole solari, l’azienda cinese ha presentato quattro prototipi elettrici: una city car, una compatta, una monovolume e una sportiva.

ToyotaPriusPrime-002
La Toyota Prius Prime dotata del tetto fotovoltaico

Il poker di concept condivide il nome Solar e la carrozzeria ricoperta da film solari con l’obiettivo di rendere possibile la “ricarica zero”, vale a dire la produzione di una quantità d’energia sufficiente per non dover attingere alla rete esterna. Un obiettivo, a detta dei tecnici Hanergy, raggiungibile applicando una pellicola con un’estensione variabile da 3,5 a 7,5 metri quadrati e in grado di generare da 8 a 10 kWh con un’esposizione solare di 5-6 ore. Energia destinata a essere stivata nelle batterie al litio garantendo un’autonomia di circa 80 km. E se piovesse? Resta sempre possibile collegarsi a una colonnina di ricarica e beneficiare di ulteriori 350 km d’autonomia.

Il prototipo Ford C-MAX Solar Energi

Sinora le uniche applicazioni di film fotovoltaici in ambito automotive sono state limitate al tetto (optional) della Toyota Prius Prime commercializzata in Giappone, in grado di portare da 50 a 55 i km d’autonomia a zero emissioni, e ai prototipi Volkswagen Tiguan GTE e Ford C-MAX Solar Energi; quest’ultimo forte di una speciale finitura del padiglione capace di concentrare i raggi solari al punto da immagazzinare 8 kWh al giorno. Ora Hanergy promette di elevare la ricarica solare a un nuovo livello, complici soluzioni hi-tech come la pulizia delle batterie a ultrasuoni e l’app che consente di gestire la ricarica dallo smartphone in funzione delle condizioni meteo, pianificando il viaggio in base all’energia raccolta. L’entrata in produzione delle prime vetture cinesi a ricarica solare è attesa nel 2020.

Volkswagen Studie Tiguan GTE
Volkswagen Tiguan GTE