LamborghiniCentenario-apertura

Lamborghini Centenario: alza il livello

Evoluzione ancor più radicale della già estrema SV, vede il V12 6.5 aspirato arrivare a 770 cv di potenza. L’assale posteriore sterzante è una novità assoluta per Lamborghini. Prodotta in soli 40 esemplari, costa 1,75 milioni di euro

Pubblicato mercoledì 02 marzo 2016 · da

La vettura più fotografata del Salone di Ginevra è la Lamborghini Centenario. Si tratta di una serie limitata di 40 esemplari derivata dalla Aventador SV e nata per celebrare i 100 anni dalla nascita del fondatore Ferruccio Lamborghini. Ciascun esemplare, 20 Roadster e 20 Coupé, è già stato venduto a 1,75 milioni di euro.

LamborghiniCentenario-003

La supercar di Sant’Agata Bolognese vede il noto V12 6.5 aspirato passare dai 750 cv della già estrema versione SV a 770 cv, grazie all’ottimizzazione del sistema d’aspirazione, dei variatori di fase e del sistema di scarico, arrivando a toccare lo stratosferico regime di 8.600 giri/min. Il V12 lavora in abbinamento alla consueta trazione integrale permanente con giunto Haldex, al cambio robotizzato a 7 rapporti e ai differenziali autobloccante posteriore e a controllo elettronico anteriore.

LamborghiniCentenario-002

Una certosina cura dimagrante: il peso complessivo della vettura passa dai 1.525 kg della SV, già “tirata all’osso”, agli attuali 1.520 kg, cui consegue un rapporto peso/potenza stratosferico: 1,97 kg/cv. Un risultato monstre che porta in dote lo scatto da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, anziché i 2,9 secondi della SV, e la velocità massima di 350 km/h. La riduzione delle masse è da ascrivere alla carrozzeria interamente in fibra di carbonio, come i sedili a guscio, le appendici aerodinamiche e, da tradizione, la monoscocca del telaio; l’abitacolo è stato spogliato di ogni orpello, tanto da lasciare parte del telaio a vista. Debuttano, infine, cerchi forgiati in lega da 20 e 21 pollici con speciali razze a elica e condotti in fibre composite per estrarre calore dall’impianto frenante carboceramico.

LamborghiniCentenario-008

È una SV ancor più estrema? Non solo, dato che la Centenario porta al debutto una soluzione tecnica sinora mai utilizzata sulla gamma Lamborghini: l’assale posteriore sterzante, chiamato a lavorare in fase o in controfase rispetto all’avantreno, a seconda della velocità della vettura. Una prima assoluta che s’accompagna a un’ulteriore raffinatezza, l’alettone attivo: si alza di 150 mm e s’inclina di 15 gradi, lavorando in simbiosi con l’estrattore. Dulcis in fundo, la Centenario beneficia di sospensioni magnetoreologiche – l’influenza Audi si fa sentire – e di un completo sistema di telemetria.

LamborghiniCentenario-009

Articoli correlati

Continua...LamborghiniHuracanLP580-2-apertura

Lamborghini Huracán LP 580-2: tutto dietro

Debutta la versione a trazione posteriore della coupé di Sant’Agata Bolognese.
19 novembre 2015
Continua...LamborghiniHuracanLP6104Spyder-apertura

Lamborghini Huracán LP 610-4 Spyder: il toro perde la testa

Condivide con la versione coupé, rispetto alla quale pesa 120 kg in più, la scocca in alluminio/carbonio e il V10 5.2 da...
15 settembre 2015
Continua...LamborghiniAventadorLP750-4SVRoadster-apertura

Lamborghini Aventador LP 750-4 SV Roadster: la prima volta

La roadster LP 700-4 è la prima scoperta del Toro a beneficiare della “cura” SV. Il V12 6.5 passa da 700 a 750 cv.
17 agosto 2015
Continua...LamborghiniAventadorLP7504SV-apertura

Lamborghini Aventador LP 750-4 SV: la furia

La supercar LP 700-4 beneficia di un’iniezione di grinta e di una cura dimagrante di 50 kg.
04 marzo 2015