Opel_Mokka_X_00018

Prova Opel Mokka X 1.6 CDTI

La Suv compatta tedesca si aggiusta il look e punta a vivere una seconda giovinezza con interni rivisti, una dotazione più ricca e una gamma di motori con i fiocchi. Si guida che è un piacere ma è un po' secca sullo sconnesso

Pubblicato lunedì 19 settembre 2016 · da
LIVE DRIVE

Dopo aver fatto passerella a marzo, al Salone di Ginevra, la Opel Mokka X sta finalmente per arrivare nelle concessionarie. Non c’è stata però nessuna scena del tipo: “Tesoro, due minuti e arrivo!”, con lei che non è ancora nemmeno entrata in doccia; tutto avviene senza ritardi, secondo la tabella di marcia annunciata a suo tempo. Il weekend porte aperte è fissato per la metà di ottobre. Per cominciare a inquadrare la questione, anticipo comunque che i prezzi di listino vanno da 19.750 euro fino a circa quota 30.000 anche se fino a dicembre sarà attiva una offerta lancio che porterà a sconti allettanti su tutti gli esemplari, con il primo prezzo a 16.900 euro. La cifra si riferisce alla versione 1.6 da 115 cv, che sul fronte benzina è affiancata dalla 1.4 turbo da 140 cv (disponibile anche con l’amatissimo GPL) e da una nuova 1.4 turbo da 152 cv con cambio automatico e trazione integrale. Per i seguaci di Rudolf Diesel ci sono invece due 1.6 CDTI, da 110 e 136 cv, che è stato il protagonista assoluto della prova, abbinato a cambio manuale e trasmissione All Wheel Drive. Quattro gli allestimenti: base, Advance (che sarà il più richiesto con di serie, tra le altre cose, le luci diurne a Led, il sistema di infotainment IntelliLink, il servizio di assistenza OnStar, il clima manuale, il cruise control, i cerchi in lega da 17″ e i fendinebbia), Innovation e B-Color.

Opel_Mokka_X_00031

LIVE

La Opel Mokka X è a tutti gli effetti un restyling della Mokka, che in quattro anni di onorato servizio è stata venduta in oltre 600.000 esemplari. I designer hanno lavorato di fino soprattutto sul frontale, che ha ora forme più decise e mascoline. Il nuovo fascione paraurti, in particolare, fa sembrare la macchina meglio piantata sulla strada, mentre la griglia ad ala e la doppia fila di Led dei fari danno un tocco più moderno all’insieme. Nulla di nuovo invece a livello della fiancata, già comunque di grande effetto, con la nervatura sottoporta a forma di lama e i parafanghi ben torniti come i deltoidi di un body builder. Nel complesso il lifting esterno è discreto ma funziona alla grande.

Opel_Mokka_X_00028

Gli interventi nell’abitacolo sono più profondi ed efficaci. Al Centro Stile hanno deciso di ripartire da un foglio bianco e hanno disegnato una plancia dall’aria più importante. Tutto si sviluppa per linee orizzontali, che esaltano l’idea di spaziosità, e il ponte di comando è leggermente rivolto verso il pilota. La consolle centrale ha un’aria più pulita, ora che il touch screen centrale (da 7 o 8 pollici, a seconda degli allestimenti) accentra molti comandi e ha permesso l’eliminazione dei relativi tasti. Due paroline le meritano chiaramente anche le finiture e l’abitabilità. La cura costruttiva è buona e solo pochi dettagli sono in plastica un po’ economica. Lo spazio a bordo è soddisfacente per quattro adulti, anche se tra i competitor c’è chi offre qualche centimetro in più nella zona posteriore. È una sensazione resa forse più evidente dall’andamento della linea di cintura, che sale molto a scapito della superficie dei finestrini.

Opel_Mokka_X_00032

A proposito ancora dello schermo, questa Opel vanta – come già accennato – un valido sistema d’infotainment già dal secondo livello di equipaggiamento: l’ R4.0 IntelliLink permette di collegare il proprio smartphone attraverso Apple CarPlay o Android Auto. Sulla Opel Mokka X molta tecnologia è però anche al servizio della sicurezza. I fari, per esempio, possono adottare il sistema AFL Led, che permette una gestione intelligente del fascio luminoso in base all’andatura e all’ambiente in cui si muove (è spiegato bene nel video sulla destra). Una telecamera frontale, il cosiddetto Opel Eye, e una centralina vigilano sul tutto e si occupano anche di ripetere al pilota i cartelli stradali presenti sulla carreggiata, di avvisarlo se sta uscendo involontariamente dalla corsia oppure se si sta avvicinando troppo a chi lo precede. In questo caso, poi, il sistema di frenata autonoma è pronto a entrare in gioco per salvare il salvabile.

Articoli correlati

Continua...Compact star: The new Opel Ampera-e offers space for up to five people and a trunk volume of 381 liters.

Opel Ampera-e: oltre 400 km per la campionessa di autonomia

La nuova elettrica tedesca si libera dalla schiavitù delle ricariche frequenti e si candida a diventare una best-seller...
14 settembre 2016
Continua...OpelZafira-apertura

Opel Zafira: linea di famiglia

La monovolume tedesca cambia aspetto, mutuando il design della nuova Astra, e beneficia di un moderno sistema d’infotainment....
06 giugno 2016
Continua...2016 Opel Astra Sports Tourer

Prova Opel Astra Sports Tourer 2016

Più atletica, sofisticata e anche più spaziosa.
25 marzo 2016
Continua...OpelGTConcept-apertura

Opel GT Concept: ieri e domani

La show car tedesca abbina mirabilmente elementi estetici del passato e linee moderne.
22 febbraio 2016