AW380 – torna la Willys, ma non è un fuoristrada

Il marchio americano, legato a doppio filo alla mitica Jeep dell’esercito, torna in vita in Italia e svela una specialissima supercar in serie limitata

Molti di noi collegano il marchio Willys alla famosissima fuoristrada MB, la classica jeep utilizzata dall’esercito americano durante la seconda guerra mondiale e immortalata in centinaia di film e telefilm.Forse non tutti, però, sono a conoscenza del fatto che Willys ha realizzato anche auto sportive, la più famosa delle quali è stata la Interlagos, la versione brasiliana della Alpine Renault A380. Auto con cui hanno corso (e vinto) piloti come i fratelli Fittipaldi, Bird Clemente e Luis Pereira Bruno, che hanno contribuito a costruire il mito dei piloti brasiliani.Il Motorshow di Bologna tiene a battesimo la rinascita del marchio Willys, grazie al sodalizio tra la fabbrica Italiana automobili Maggiora e la Carrozzeria Viotti, che ha sfruttato la matita dell’italiano Emanuele Bomboi per ridare vita a un’auto a suo modo storica. La AW380, questo il nome, riporta alla luce il marchio Willys ed è una vera e propria supercar, motorizzata con un 6 cilindri biturbo da 3,8 litri capace di 610 cv e 830 Nm di coppia, gestiti da un cambio a sei marce con paddle al volante e scaricati sugli pneumatici posteriori da 345/30 montati su cerchi da 20 pollici. Numeri che le consentono di bruciare la pratica 0-100 km/h in 2,7 secondi e di toccare i 340 km/h. Cifre iperboliche, non quanto il prezzo previsto per i soli 110 esemplari costruiti, che sarà di 380.000 euro. Sappiate comunque che ne restano 109 perché il primo esemplare è già stato acquistato.