BMW M550i xDrive: il debutto a Detroit

Il NAIAS tiene a battesimo la nuova punta di diamante della Serie 5. Il suo motore V8 4.4 TwinPower Turbo eroga 462 cv, per uno 0-100 in soli 4 secondi netti

Tra pochi giorni il Salone di Detroit terrà a battesimo la nuova generazione della BMW Serie 5. Sotto i riflettori del NAIAS non ci sarà però spazio per le sole versioni tutte casa e lavoro. Nello stand ci sarà anche la BMW M550i xDrive, che andrà a fare da punta di diamante sportiva della gamma. Come tradizione della Casa, non si tratta comunque di una variante sopra le righe ma mantiene una certa sobrietà, pronta anche a un uso quotidiano.

Da un punto di vista estetico, la BMW M550i xDrive si riconosce soprattutto per il kit aerodinamico M, con minigonne a sottolineare la fiancata, voraci prese d’aria frontali e il piccolo spoiler a sormontare il bagagliaio. Un’altra particolarità sono i cerchi cerium grey metallizzato opaco da 19” (quelli da 20” saranno disponibili come optional da luglio 2017), dietro ai quali spuntano le pinze freno verniciate in blu. A valorizzare la loro presenza è anche l’assetto adattivo M Sport, ribassato di 10 mm. Quanto poi all’abitacolo, anche qui non mancano i dettagli esclusivi, come i battitacco illuminati, i rivestimenti in pelle Dakota con cuciture blu e i pedali in alluminio.

Il vero asso nella manica della BMW M550i xDrive è però il motore M Performance, un V8 4.4 con tecnologia TwinPower Turbo, dotato di due turbine Twin Scroll e di sistemi Valvetronic e Doppio Vanos a livello di gestione variabile delle valvole. Il risultato di tanta tecnologia si vede al banco e su strada. In laboratorio si registrano un potenza massima di 462 cv e una coppia di 650 Nm disponibile già a 1.800 giri mentre la prova di accelerazione lo 0-100 è liquidata in 4 secondi netti. Insistendo si arriva d’un fiato a 250 km/h e a quel punto la centralina tira i remi in barca, tarpando le ali all’allungo.

Il merito di simili prestazioni va anche al cambio Steptronic Sport a otto marce con taratura specifica e alla trazione integrale xDrive, a sua volta ripensata per trasmettere più forza motrice alle ruote posteriori. Tutto avviene sotto l’occhio vigile dell’elettronica, che gioca un ruolo importante a tutti i livelli sulla M550i. Molti sono infatti i sistemi di assistenza alla guida presenti nella dotazione, di serie o a richiesta. Si va infatti dai dispositivi che danno una mano a evitare le collisioni frontali e laterali al cruise control adattivo, capace di adeguare la velocità ai limiti indicati dalla segnaletica, con l’ultima chicca del Remote Parking, per infilare la macchina in un parcheggio a pettine stretto telecomandandola con la chiave.