Daihatsu D-R Concept & UFC Concept

Una roadster due posti che sembra l’erede della Copen e una MPV a sei posti (in fila per due): i loro nomi di battesimo sono D-R e UFC e rappresentano due importanti novità che Daihatsu ha deciso di svelare in anteprima all’Indonesian Motorshow

27 settembre 2012 - 11:09

Fa sorridere pensare che, nel corso di giornate in cui l’attenzione di tutte le Case automobilistiche è concentrata su Parigi, ce n'è esiste qualcuna che ha elegantemente deciso di glissare la kermesse europea in favore di un salone, certo meno affermato, come quello indonesiano. Eppure l’arrivo di due concept marchiate Daihatsu, moderne e innovative, riesce comunque a fare notizia anche all’interno di un mercato, quello europeo, che il marchio nipponico appartenente al gruppo Toyota ha recentemente deciso di abbandonare.

Frizzanti e irriverenti nella linea, la Daihatsu D-R Concept e la UFC hanno colpito da subito nel segno, riuscendo a far parlare di sé siti specializzati e blog di tutto il mondo. La prima, in particolare, sfruttando abilmente l’effetto nostalgia che qualcuno (non molti, per la verità, nel nostro Paese) ha patito con l’uscita di produzione della Copen.

Piccola Roadster due posti secchi con motore di cubatura limitata rigorosamente turbo: la D-R Concept ricalca in tutto e per tutto la sua antenata. Toy car irriverente con tanto di tetto rigido ripiegabile, è stata realizzata con una carrozzeria interamente in materiale plastico: un modo per risparmiare in caso di incidente, ma anche di dare libero sfogo alle “esigenze cromatiche” dei possessori senza costringerli a svenarsi. Sotto al cofano, sempre in linea con la tradizione, si trova un piccolo motore bicilindrico turbo di 660 centimetri cubi che, però, potrebbe in realtà presto trasformarsi in un’unità ibrida se non addirittura “full electric”. Completano il quadro interni decisamente curati e sportivi caratterizzati da rivestimenti in pelle per tutto l’abitacolo e da una strumentazione iper tecnologica con schermo digitale extralarge.

Evoluzione, almeno per quanto riguarda il numero di posti disponibili, della Honda FRV (o della Fiat Multipla, se preferite), la seconda concept Daihatsu consiste in una mpv compatta composta da tre file realizzate con due sedili singoli ciascuna. UFC Concept (Ultra Functional Compact) è il suo nome in codice e per migliorare l’abitabilità interna ha pensato bene di sfruttare l’assenza del tunnel centrale e un passo di dimensioni degne di categorie superiori.

Difficile dire se una delle due show car entrerà in produzione come vettura di serie (ovviamente solo per il mercato orientale), ma di certo i buoni livelli raggiunti in termini di design, innovazione e “personalità” dalla D-R Concept e dalla UFC rappresentano già un buon risultato per un marchio considerato “in crisi profonda” fino a poco tempo fa’.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

BMW Serie 1 M135i, è ancora BMW vera?

MINI Cooper SE
Viaggio sulla “più bella strada del mondo”  

Renault Clio Cup Italia 2019, ultimo atto