Dieselgate: i correttivi Volkswagen

La Casa tedesca comunica gli interventi per l’adeguamento dei motori 1.6 e 2.0 TDI: modifiche strutturali nel primo caso, con l’introduzione di un trasformatore di flusso, software nel secondo.

1 dicembre 2015 - 16:12

Si volta pagina; dopo il terremoto legato al dieselgate, Volkswagen introduce i correttivi tecnici necessari per riportare a norma i motori incriminati appartenenti alla famiglia EA 189. Le soluzioni, sottoposte all’approvazione della KBA, vale a dire dell’ente federale tedesco che rilascia le omologazioni valide in Germania e in Europa, riguardano i 4 cilindri TDI 1.6 e 2.0, mentre a breve verranno individuati gli interventi destinati al 3 cilindri 1.2 TDI.

Modifiche software per il 2.0, hardware per il 1.6. Secondo la Casa tedesca, per adeguare il 4 cilindri common rail di 1.968 cc sovralimentato mediante singolo turbocompressore sarà sufficiente intervenire sull’elettronica del propulsore; un’attività che non dovrebbe richiedere più di 30 minuti di fermo macchina. Più complesso, diversamente, l’adeguamento del 1.6 alle normative antinquinamento vigenti: oltre all’aggiornamento software, sarà infatti necessario aggiungere un nuovo componente, definito “flow transformer” (trasformatore di flusso). Si tratta, in estrema sintesi, di un filtro supplementare, collocato all’ingresso del condotto d’aspirazione – pertanto a valle del filtro dell’aria – e destinato a ridurre le turbolenze; quindi a ottimizzare l’azione del flussometro (misuratore della massa d’aria), favorendo la precisione d’iniezione. Una modifica che dovrebbe richiedere circa un’ora di lavoro in officina.

Prestazioni e consumi? Pressoché inalterati. Questa, almeno sulla carta, è la promessa Volkswagen in vista di un richiamo che dovrebbe durare almeno un anno, a decorrere da gennaio 2016, coinvolgendo i Paesi membri dell’Unione Europea. Se ciò fosse confermato, la stragrande maggioranza delle pretese risarcitorie da parte dei consumatori verrebbe stoppata sul nascere, dato che le performance dei veicoli resterebbero identiche a quanto dichiarato originariamente. In aggiunta, gli interventi saranno totalmente gratuiti, tanto che VW rinuncerà a far valere persino le eccezioni sul mancato esercizio nei termini di legge della garanzia.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese