Ferrari Sergio Pininfarina: dal sogno alla realtà

Nata quale esercizio di stile su base 458 Spider, verrà realizzata in piccola serie. Ispirata alle roadster di Maranello degli Anni ’60 e ’70, estremizza il concetto open air rinunciando al parabrezza. 6 esemplari previsti a un prezzo di 1,5 milioni di euro

Si chiama Sergio, come l’uomo che ha guidato la carrozzeria Pininfarina per 40 anni dando forma ad alcune delle Ferrari entrate nella leggenda delle quattro ruote. Una barchetta a due posti estrema. Un esercizio di stile. Che, forse, non resterà un esemplare unico…Sviluppata sulla base meccanica della 458 Spider, la Sergio Pininfarina riprende gran parte degli elementi stilistici tipici delle roadster di Maranello degli Anni ‘60 e ’70 e al tempo stesso estremizza il concetto open air al punto da rinunciare al tetto rigido ripiegabile a scomparsa, caratteristico della vettura di serie, in favore di… due caschi per guidatore e passeggero! Una soluzione assolutamente fuori dagli schemi, resa necessaria dall’assenza del parabrezza, sostituito da un deflettore incaricato di deviare verso l’alto i flussi d’aria. Il roll-bar, oltre che proteggere l’abitacolo, assume un profilo alare e, conseguentemente, una funzione aerodinamica, garantendo un elevato carico verticale.Grazie agli interventi radicali cui è stata sottoposta la carrozzeria – e nonostante la conferma della scocca space-frame in alluminio –, il peso scende dai 1.430 kg di 458 Spider a 1.280 kg. Un dimagrimento (-150 kg) che, in abbinamento alla trasmissione a doppia frizione a 7 rapporti e ai 570 cv erogati dal V8 4.5 a iniezione diretta di benzina e fasatura variabile, permette uno scatto da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi anziché i 3,5 secondi fatti registrare dalla vettura di serie. Invariati la velocità massima di 320 km/h così come l’impianto frenante forte di dischi carboceramici e lo schematismo delle sospensioni a triangoli sovrapposti all’avantreno e a bracci multipli oscillanti al retrotreno.Nata quale provocazione, ora sembra prossima alla realizzazione in piccola serie. Più precisamente in sei esemplari – già tutti prenotati – a un prezzo di circa 1,5 milioni di euro. E il parabrezza? Sarà disponibile come optional!