Maserati Ghibli 2017: una ventata di giovinezza

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

26 settembre 2016 - 12:09

Prende esempio in famiglia Maserati Ghibli che, in vista del Salone di Parigi, imita la recentemente rinnovata ammiraglia Quattroporte concedendosi una “rinfrescata” hi-tech. Alle ultime tecnologie in materia di assistenza alla guida e a un sistema multimediale più evoluto rispetto al passato si accompagna uno step più spinto del V6 3.0 biturbo destinato alla versione d’ingresso della gamma benzina.

Ghibli MY17, in arrivo nelle concessionarie nelle prossime settimane, può contare su di una gamma motori sostanzialmente immutata, dato che al V6 3.0 td negli step da 250 o 275 cv si affianca il noto V6 3.0 biturbo benzina – dal quale deriva il V6 2.9 biturbo da 510 cv dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio – con potenze di 410 o 350 cv. Quest’ultima una novità, dato che in passato la versione “entry level” a benzina poteva contare solamente su 330 cv. Un upgrade che porta in dote uno scatto da 0 a 100 km/h in 5,5 secondi contro i precedenti 5,6 secondi. Invariati la trazione posteriore e il cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, unica opzione per l’intera gamma, così come la disponibilità delle 4WD per la sola 3.0 V6 S da 410 cv.

Se l’aspetto della Ghibli resta sostanzialmente immutato, complice la vicinanza estetica con la SUV Levante, non altrettanto si può dire per l’abitacolo, dato che il sistema d’infotainment è ora compatibile con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, il touchscreen al centro della consolle cresce sino a raggiungere gli 8,4 pollici, il vano porta telefono è ridisegnato e sotto il profilo della sicurezza divengono disponibili il cruise control adattivo con funzione Stop&Go, la segnalazione d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco, l’avviso di superamento involontario della linea di corsia, la frenata automatica d’emergenza e la telecamera con visione perimetrale, cui si aggiunge un inedito sensore del climatizzatore, denominato AQS, incaricato d’analizzare la qualità dell’aria impedendo allo smog di penetrare nell’abitacolo.

Ghibli 2017 può essere ordinata con i pacchetti Sport e Luxury. Il primo può contare sui sedili con poggiatesta integrato, il volante corredato delle levette del cambio, la pedaliera sportiva in acciaio e svariati particolari in fibra di carbonio, mentre il secondo porta in dote i rivestimenti in pelle firmati da Ermenegildo Zegna, il padiglione in Alcantara, le finiture in radica, l’impianto audio Harman Kardon Premium da 900 watt, la pedaliera a regolazione elettrica e il bracciolo posteriore con porta bicchieri illuminato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

BMW Serie 1 M135i, è ancora BMW vera?

MINI Cooper SE
Viaggio sulla “più bella strada del mondo”  

Renault Clio Cup Italia 2019, ultimo atto