Mercedes Classe A 2012

Anteprima mondiale per la nuova compatta tedesca: design sportivo, motori da 109 a 211 cv, emissioni di CO2 a partire da soli 99 g/km. E di serie c’è il sistema anti-collisione

“Si tratta di un’auto completamente nuova, nei minimi dettagli. L’opportunità di cominciare con un foglio di carta bianca nello sviluppo di un’automobile non si verifica spesso e i nostri ingegneri e designer l’hanno sfruttata in modo convincente”: queste le parole di Dieter Zetsche, presidente di Daimler AG e responsabile di Mercedes-Benz Cars.Più bassa di 18 centimetri rispetto al modello precedente, la nuova Classe A 2012 appare molto dinamica fin dalle linee che la caratterizzano e identificano con forza, anche perché non si è discostata dal concept, accolto a suo tempo con particolare interesse. L’obiettivo era chiaro: portare il concetto di dinamismo Mercedes nel segmento delle compatte, attraverso linee nette e riconoscibili, soprattutto sulle fiancate. Anche all’interno i designer hanno puntato sulla riconoscibilità, cercando di elevare lo standard fino a livelli ancora non toccati tra le compatte; come sul concept, inoltre, è prevista la possibilità di integrare il proprio smartphone – inizialmente l’iPhone – nel sistema di comando dell’auto.I pacchetti di equipaggiamento della Classe A 2012 saranno tre: Urban, Style e AMG Sport.Ampia la disponibilità di motori, benzina e diesel, la Classe A 2012 ha emissioni di CO2 che partono da soli 99 grammi per chilometro. I benzina da 1.6 e 2.0 litri vanno da 122 cv (90 kW) per la A 180 ai 156 cv (115 kW) della A 200, per arrivare ai 211 cv (155 kW) della A 250. Le caratteristiche comuni ai tre motori sono l’abbinamento dell’iniezione diretta di carburante con il turbocompressore, la miscela magra, le accensioni multiple; inoltre con il Camtronic debutta sul motore 1.6 litri la regolazione della corsa delle valvole sul lato di aspirazione, per limitare la quantità di gas freschi nella fascia di carico parziale e ridurre di conseguenza i consumi.Anche i motori diesel sono sovralimentati: il modello A 180 CDI parte da 109 cv (80 kW) di potenza, con coppia a 250 Nm; la A 200 CDI ha 136 cv (100 kW) e 300 Nm di coppia, mentre la A 220 CDI da 2.2 litri arriva a 170 cv (125 kW) e 350 Nm. Tutti i motori dispongono della funzione ECO, con start/stop di serie; il cambio manuale è a 6 rapporti, ma è disponibile anche l’automatico a doppia frizione 7G-DCT.Il coefficiente di penetrazione aerodinamica (Cx) dichiarato è pari a 0,26, un dato molto interessante, ottenuto anche includendo le antenne nello spoiler sul tetto. Importante il lavoro sulla sicurezza: la nuova Classe A, infatti, è l’unica nel segmento a essere equipaggiata di serie con il sistema radar anticollisione con Brake Assist adattivo, per ridurre i rischi di tamponamento. Il sistema di assistenza alla guida Collision Prevention Assist emette segnali visivi e acustici per segnalare il rischio di una collisione, e prepara l’eventuale intervento del Brake Assist. Altra novità nel segmento delle compatte è il sistema di protezione preventiva dei passeggeri Pre-Safe, con pretensionatori reversibili, chiusura dei cristalli laterali e del tetto scorrevole, spostamento del sedile lato passeggero – a regolazione elettrica e provvisto di funzione Memory – in una posizione che assicura la massima efficacia dei sistemi di ritenuta: il sistema si attiva quando i sensori individuano una condizione di pericolo. http://youtu.be/se1nJPnjcZk