Nuova BMW Z4, capote in tela e un pizzico di… Toyota

La meccanica è in comune con la nuova Supra ma l'attenzione verso il piacere di guida è tutta BMW

19 settembre 2018 - 23:09

Un passo indietro? Diremmo proprio di no: la nuova BMW Z4 ritorna a coprirsi con un classico tetto in tela ad apertura elettrica – il debutto ufficiale in società è programmato per il Salone di Parigi – dopo una felice “luna di miele” con il tetto retrattile in metallo.


Parentele importanti
Ma, oltre alla linea più spigolosa e cattiva, ricca di fameliche prese d’aria sia nello sguardo sia nel lato B, la nuova BMW Z4 porta con sé un’altra importante novità: la parentela meccanica con la nuova Toyota Supra. Il primo effetto è un aumento delle dimensioni, perché la roadster a due posti di Monaco è cresciuta in lunghezza di 8,5 centimetri (4,32 il dato totale) ma anche di 7,4 cm in larghezza e di 1,3 cm in altezza. Tutto ciò ha portato un bagagliaio cresciuto del 50%, fino a 281 litri. C’è di più, perché il passo è stato accorciato di quasi 3 cm. Poi, certo, non mancano chicche come lo sterzo adattivo, che regola sia la servoassistenza sia il rapporto di sterzata.


Agilità e potenza
Un’indicazione, questa, su come i tecnici dell’Elica abbiano lavorato verso il puro piacere di guida e l’agilità: i classici capisaldi come motore anteriore, trazione posteriore e perfetta ripartizione dei pesi sono stati mantenuti. A spingere la nuova BMW Z4 ci pensano tre motori, entrambi a benzina: il primo, il 6 cilindri in linea da 3 litri Twin Power Turbo muove la M40i grazie a 340 cv e 500 Nm, per uno 0-100 da 4,6 secondi. Non mancano all’appello due quattro cilindri, quello da 258 cv e 400 Nm della sDrive30i e il 197 cv della sDrive20i. Omologati Euro6d-TEMP grazie anche al filtro antiparticolato, sono abbinati al cambio automatico a 8 rapporti.


A tutta tecnologia
In abitacolo spicca la strumentazione BMW Live Cockpit Professional e il Control Display da 10,25″, che lavorano grazie al nuovo sistema operativo BMW Operating System 7.0. Tutte le nuove BMW Z4 hanno di serie fari a Led, e molti angeli custodi elettronici: Collision Warning, Pedestrian Warning con City Braking e Lane Departure Warning. Come optional sono disponibili l’Active Cruise Control con Stop&go, l’assistenza al parcheggio, il Lane Changing Warning System, lo Speed Limit Info e l’head-up display per la prima volta su una roadster BMW.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volvo XC90, il SUV è a guida autonoma

Jeep Renegade ibrida plug-in, il debutto su strada al Salone di Torino

Auto elettriche e ibride, l’Italia batte un colpo