Peugeot 2008 MY16: nel segno dello sport

Si rinnova la crossover francese: a una linea più aggressiva che in passato abbina moderni motori diesel e benzina Euro 6 con potenze da 75 a 130 cv. Confermato il controllo della trazione evoluto Grip Control.

18 febbraio 2016 - 21:02

Ha inaugurato il filone delle crossover sportiveggianti a due ruote motrici, piacevoli da guidare e pratiche nell’utilizzo quotidiano. Ora, dopo tre anni di carriera e 515.000 unità vendute – un successo – Peugeot 2008 si rinnova profondamente.

Cambia la calandra, adesso con il Leone al centro, e debuttano nuove slitte paracolpi sia all’avantreno sia al retrotreno alle quali si accompagnano inedite protezioni plastiche in corrispondenza degli archi passaruota, gruppi ottici posteriori a effetto tridimensionale e lo spoiler al tetto. Un lifting volto a rimarcare la sportività di 2008, ulteriormente rafforzata dalla disponibilità dell’allestimento GT Line, sinora riservato alle berline della gamma Peugeot, forte di cerchi in lega da 17 pollici, finiture nere satinate e, in abitacolo, della pedaliera in alluminio oltre ai rivestimenti in pelle pieno fiore per volante, cuffia del cambio e leva del freno a mano. Gli interni beneficiano di un generale rinnovamento dei materiali, mentre non muta l’impostazione originale della plancia caratterizzata dalla strumentazione i-cockpit e dal display touchscreen da 7 pollici al centro.

Ampia la gamma motori, tutti Euro 6: i benzina a iniezione diretta possono contare sul 3 cilindri 1.2 PureTech in configurazione aspirata da 82 cv con cambio manuale a 5 marce oppure sovralimentata mediante turbocompressore negli step da 110 e 130 cv. Il primo abbinato a una trasmissione manuale a 6 rapporti o automatica a 6 velocità a convertitore di coppia, il secondo disponibile solo con il manuale a 6 marce. Quanto ai diesel, il 1.6 BlueHDi – 4 cilindri in linea td a iniezione d’urea – è proposto nelle versioni da 75, 100 e 120 cv con trasmissioni manuali a 5 o 6 velocità e percorrenze medie nell’ordine dei 27 km/l.

E il Grip Control? Confermato! Il sistema, che consiste sostanzialmente in un upgrade del controllo di trazione, così da sfruttare gli interventi dell’impianto frenante per garantire il grip delle ruote motrici simulando l’operatività di un differenziale autobloccante, viene proposto come in passato in abbinamento agli pneumatici M+S e alla possibilità di scegliere tra 5 programmi di marcia (Standard, Neve, Fango, Sabbia ed ESP Off) che vedono l’elettronica adattare erogazione e interventi sui dischi freno in funzione del fondo affrontato. Irrinunciabile, infine, la compatibilità con gli smartphone Android e iOS, mentre costituisce una novità la frenata automatica in caso di collisione imminente.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Audi RS6 tre quarti anteriore

Nuova Audi RS6 Avant, più potente della Lamborghini Huracan

tutor attivi controesodo

Tutor attivi per il controesodo. Ecco su quali autostrade e da quando

Fiat Concept Centoventi, frontale, Salone di Ginevra 2019

Fiat Centoventi, 500 elettrica e le altre novità Fiat in arrivo