2   LIVE   

Turbo, turbo e ancora turbo. Se il futuro vedrà dominare la tecnologia elettrica e ibrida, il presente conosce un solo sovrano: il turbocompressore. Una soluzione sempre più radicata, anche all’interno della gamma Porsche. Ecco, infatti, che anche gli ultimi baluardi della tecnica aspirata, vale a dire le versioni GTS di Cayman e Boxster, un tempo dotate di motori a 6 cilindri, cedono al trend del momento adottando un quattro cilindri 2.5 sovralimentato derivato dalle varianti S. Un propulsore che, coerentemente con la “cura” GTS, dedicata attualmente anche a 911 e Macan, beneficia di un sensibile upgrade e si accompagna all’assetto ribassato e mirato per offrire le massime performance nonché ad alcuni dettagli estetici che rendono le vetture immediatamente riconoscibili.

Da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi

Il 4 cilindri boxer 2.5 turbo a iniezione diretta della benzina, caratteristico della più recente generazione di Boxster S e Cayman S, estende la propria sfera d’influenza alle versioni GTS e, dopo aver pensionato il precedente 6 cilindri aspirato, si concede una cura anabolizzante basata sull’adozione di un inedito condotto d’aspirazione e sull’ottimizzazione del turbocompressore. Ne derivano 365 cv e 430 Nm di coppia anziché gli originari 350 cv e 420 Nm. Ben 35 cv e 60 Nm in più rispetto alla “vecchia” generazione delle GTS. Il Boxer quattro cilindri nel dettaglio, può essere abbinato a una classico cambio manuale a 6 rapporti oppure con un cambio automatico a doppia frizione PDK a 7 marce, mentre il pacchetto Sport Chrono Package, che include il launch control, sulle GTS è di serie. Una dotazione che rende le 718 piuttosto agguerrite sul fronte delle prestazioni. Lo 0-100 viene bruciato in 4,1 secondi mentre la velocità massima arriva a 190 km/h.

Adattive di serie

L’allestimento GTS include le sospensioni adattive Pasm, l’assetto ribassato di 10 mm rispetto allo standard e il Porsche Torque Vectoring (PTV), per la ripartizione della coppia tra le ruote sul medesimo asse, oltre al blocco meccanico del differenziale. Non meno raffinato il kit estetico forte dei paraurti della linea Sport Design, dei gruppi ottici anteriori bi-Xeno e posteriori bruniti oltre che dei cerchi in lega da 20 pollici e delle scritte GTS lungo le portiere e in coda alla vettura. Completano la “cura” i sedili sportivi e i rivestimenti in Alcantara in abitacolo. Prezzi, in Italia, da 81.500 euro per la Boxster GTS e da 79.500 euro per la Cayman GTS. Sono circa 10.000 euro in più rispetto alle versioni S ma considerando l’equipaggiamento che le GTS adottano di serie il prezzo non appare fuori luogo.

Indietro