Range Rover Sport SVR: il SUV è atomico

È la versione di serie più potente e veloce mai realizzata di Range Rover Sport. Mossa dal noto V8 5.0 Supercharged, può contare su 550 cv e 680 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi

27 settembre 2014 - 20:09

«Care BMW X6 M, Porsche Cayenne Turbo e Mercedes-Benz M 63 AMG Performance, io vi sfido. E non vi temo. Sono la Range Rover di serie più potente e veloce mai realizzata. Mi chiamo SVR; e getto nella mischia 550 cv e 680 Nm di coppia».

La Sport Utility britannica porta al debutto la denominazione SVR, destinata ai futuri modelli ad alte prestazioni realizzati dal reparto Special Vehicle Operations Jaguar Land Rover, già “papà” della iper vitaminizzata roadster F-Type Project 7. Nel dettaglio, è mossa dal noto V8 32V di 5.000 cc a iniezione diretta di benzina sovralimentato mediante compressore volumetrico (tipo Roots), proposto nello step da 550 anziché 510 cv; quest’ultimo appannaggio delle versioni 5.0 V8 S/C HSE e Stealth Pack. Propulsore che consente a Range Rover Sport di scattare da 0 a 100 km/h in poco più di 4,5 secondi e toccare i 260 km/h (autolimitati). Prestazioni degne di una sportiva!

Confermato, rispetto al resto della gamma, il cambio automatico a 8 rapporti ZF del tipo mediante convertitore di coppia, mentre è una novità il sistema di scarico attivo che porta in dote un sound particolarmente coinvolgente agli alti regimi. L’assetto beneficia di due livelli da terra selezionabili manualmente o automaticamente nonché di sospensioni pneumatiche – a triangoli sovrapposti all’avantreno, multilink al retrotreno – dalla taratura rivista in funzione dell’utilizzo sportivo. E se qualcuno avesse l’ardire di portare 550 cv fuoristrada, la capacità di guado di 85 cm, la tecnologia Terrain Response2 e la notevole escursione di molle e ammortizzatori promettono di non tradire la vocazione off road tipica del marchio inglese.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Le auto usate più cercate

FCA mercato auto 2019

Mercato auto 2019
Francia batte Germania, ma non FCA

Fiat 500, la sua storia, in attesa dell’elettrica