È una delle tendenze importate dagli Stati Uniti qualche anno fa: là non mancano le strade sterrate, specie tra le fattorie del Midwest. La ghiaia (il nome “Gravel” deriva proprio da qui) è la regina di questo nuovo modo di interpretare la bici. Piste battute e strade asfaltate sono entrambe benvenute. E se nel frattempo ci si gode anche il paesaggio e un calice di buon vino, il gioco è fatto. Per promuovere questo approccio al ciclismo anche in Italia, il 5 giugno a Treiso (CN) debutterà la Gravel Road Challenge. Non si tratta di una gara vera e propria: nelle intenzioni degli organizzatori, infatti, è soprattutto il modo per provare a valorizzare con semplicità luoghi, persone e sapori. Teatro della prima edizione saranno le Langhe, da scoprire pedalando tra noccioleti e vigneti. 

GravelRoadChallenge01

L’iniziativa è aperta a tutti, anche perché il tracciato non presenta particolari difficoltà tecniche. Settanta chilometri di percorso per 1.100 metri di dislivello, che si potranno percorrere in sella a qualsiasi tipologia di bici. I tratti cronometrati verranno registrati attraverso l’applicazione “Strava” e avranno queste caratteristiche:
PS1: 1,7 km per 40 m d+
PS2: 1,3 km per 50 m d+
PS3: 6,6 km per 150 m d+
PS4: 3,6 km per 10 m d+

La partecipazione è gratuita ma sono richiesti 20 euro per il pranzo di fine evento e vari ristori enogastronomici disposti lungo il percorso, che permetteranno di assaggiare alcune specialità locali. Il ritrovo è previsto alle 8.30 in Piazza Leopoldo Baracco, Treiso (CN), con partenza alle 10. Per info e iscrizioni alla Gravel Road Challenge: [email protected]

Noi di RED saremo presenti: se volete documentarvi sull’argomento, leggete lo speciale Gravel con la rassegna delle 14 bici preferite da RED.