Oreka O5, non chiamatelo “rullo”

Arriverà a settembre 2020 il nuovo ciclosimulatore Oreka O5, che riproduce anche l'oscillazione della bici nel fuorisella. Funziona senza alimentazione elettrica. Prezzi da definire

16 luglio 2020 - 16:43

Nell’affollato segmento di mercato dei simulatori di pedalata, che tempo fa erano noti semplicemente come “rulli” (ma erano molto diversi da oggi!), la basca Oreka propone il suo O5. Le caratteristiche più interessanti a prima vista sono sicuramente la facilità di trasporto e l’assenza di alimentazione elettrica. Nonostante il sistema pesi 30 chilogrammi, la possibilità di ripiegarlo e di trasportarlo su ruote, al pari del normale trolley, rende molto più comodi gli spostamenti. Un punto di forza non da poco, considerato che molti atleti professionisti e altrettanti amatori portano con sé il rullo nelle più varie destinazioni.

Facile l’uso: basta appoggiare il rullo a terra e fissare la bici per poter iniziare l’allenamento. Non serve l’alimentazione elettrica, perché l’energia della pedalata “accende” tutte le funzioni, comprese la resistenza e il freno elettrico. Per i professionisti ciò significa ad esempio potersi riscaldare prima della gara senza essere vincolati dalle prese di corrente del bus di appoggio. Per gli amatori significa potersi allenare ovunque, senza portarsi dietro prolunghe e inutili cavi.

Più nascosta è un’altra funzionalità molto qualificante, che permette di regolare l’oscillazione della bici nella pedalata in piedi: tramite un sistema pneumatico la cui resistenza viene definita direttamente dal ciclista, la simulazione diviene ancora più realistica, compiendo un ulteriore passo per affrancare questi dispositivi dai limiti del passato.  Il sistema di basculamento è pneumatico, da regolare tramite una pompa a piede sulla base del proprio stile di pedalata e del peso corporeo. Per rendere tutto pressoché identico alla pedalata su strada basti dire che il fulcro dell’oscillazione si trova all’altezza del mozzo e non a terra: un tocco di innovazione che permetterà a questo modello di conquistare i favori degli appassionati più esigenti.

Tra le opzioni di allenamento più interessanti troviamo quelle a velocità costante e a potenza costante: nel primo caso il simulatore regola automaticamente la resistenza per mantenere la stessa velocità, a prescindere dal percorso virtuale che il ciclista sta affrontando; nel secondo la potenza stimata dal dispositivo viene mantenuta costante, anche quando cambiano velocità e frequenza di pedalata.

Compatibile con perni ruota di 130 e 135 mm e con perni passanti 142X12 mm e 148×12 mm, l’Oreka O5 viene facilmente gestito tramite l’app Oreka Training, che funziona anche senza connessione Internet.

Il nuovo Oreka O5 sarà presentato a settembre 2020; il prezzo sarà allineato alla concorrenza di alta gamma, quindi presumibilmente superiore a 1.000 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Le migliori e-Road per scalare ogni salita

Estate 2020: pedalare sugli Hero Trails

Gaerne per le e-Bike