Svolta storica: le biciclette sorpassano le automobili

Nel 2011 sono state vendute più biciclette che automobili. E non è solo colpa della crisi

Si è parlato molto in questi mesi della crisi del settore automobilistico, in particolare nel nostro Paese. Nel 2011, infatti, sono state immatricolate 1.748.143 automobili, cifra corrispondente alle vendite di auto nuove nei primi anni Sessanta. Ma di certo non ci si aspettava che la vendita di biciclette avrebbe superato quelle delle auto. È notizia di questi giorni che nel 2011 sono state vendute 1.750.000 bicilette nuove.L’Italia non è certo un Paese bike friendly: tranne poche eccezioni, nelle nostre città le piste ciclabili sono poche e spesso mal progettate o mal costruite. Gli automobilisti italiani, poi, sono notoriamente poco sensibili nei confronti degli utenti deboli della strada, ciclisti e pedoni in particolare. Ma allora perché gli italiani si muovono sempre di più in bicicletta? A sentire gli esperti la crisi gioca nella vicenda un ruolo preponderante: sono sempre meno le persone che possono permettersi un’auto nuova; e mantenerla, con la benzina a quota 2 euro al litro, non è certamente facile. Probabilmente il successo della bici non dipende solo dalla crisi economica. La bici è facile da usare, ha costi di utilizzo molto contenuti. È veloce: è noto che in un percorso urbano batte qualsiasi altro mezzo in termini di tempo di percorrenza. Oggi l’offerta di bici con pedalata assistita è molto vasta: pedalare è meno faticoso di un tempo e anche il rischio di imbarazzanti pezze di sudore nei mesi più caldi si è ridotto esponenzialmente. Insomma, la bicicletta non è più soltanto una scelta obbligata per chi non può permettersi l’auto ma una vera e propria alternativa consapevole.