Nuovo Arai Quantic: quando MotoGP e F1 si incontrano nel turismo

Arai ha presentato il nuovo Quantic. Un casco pensato principalmente per un utilizzo turistico ma che presenta soluzioni derivanti sia dalla MotoGP sia dalla Formula Uno

L’obbiettivo principale di un casco pensato per il turismo è quello di garantire il miglior comfort possibile in qualsiasi condizione di guida. Per raggiungerlo il nuovo Arai Quantic presenta varie novità. In primis, un inedito sistema di areazione che prende spunto sia dal mondo della Formula Uno con le due Tear-Ducts frontali, sia dal mondo della MotoGP con l’estrattore posteriore derivato da RX-7V Racing.

Arai Quantic

La calotta esterna – realizzata interamente a mano – utilizza la tecnica PB e-cLc (PeripheallyBelted e-Complex Laminate Construction). Tecnica che garantisce una riduzione del peso della stessa senza comprometterne l’assorbimento degli urti. La calotta interna realizzata in EPS (polistirene espanso) a densità differenziate è formata da un unico pezzo e rappresenta un’esclusiva mondiale di Arai. Ovviamente gli interni sono removibili e lavabili.

Arai Quantic è il primo casco del marchio giapponese a superare la nuova e più restrittiva OmologazioneECE22-06.