Alpinestars GP Tech Leather Suit

Tuta in pelle per tutti gli appassionati e praticanti di guida sportiva o di attività legate all’ambito racing

23 aprile 2014 - 17:04

L’hanno indossata campioni come Marc Màrquez, Dani Pedrosa, Jorge Lorenzo. Tramite il loro contributo e le sensazioni in pista, l’hanno migliorata e resa adattabile ed estremamente vestibile. La tuta GP Tech Leather Suit, che spicca nella collezione Alpinestars 2014 per sportività e indole smaccatamente competitiva, è composta da una struttura multipannello in pelle bovina e di canguro, entrambe di alta qualità. Molto resistente ad abrasioni e urti, la tuta è rinforzata anche a livello di cuciture, in caso di scivolate o comunque di un contatto prolungato con l’asfalto. La pelle della tuta è traforata in alcuni punti strategici, per offrire un’areazione ottimale anche ad alte temperature e in condizioni di tensione del pilota, per esempio quando guida ad elevate velocità.

Le protezioni di cui dispone la tuta sono quelle di riferimento per la categoria, rigorosamente certificate CE, e sono distribuite su spalle, gomiti, ginocchia e tibie. Inoltre, la tuta è predisposta per l’inserimento del paraschiena Bionic Race, omologato CE livello 2. Gli slider esterni su spalle e gomiti sono stati sviluppati da Alpinestars nell´ambito delle competizioni MotoGP; immancabile anche la gobba posteriore aerodinamica, ventilata per migliorare la ventilazione di tutta la zona della testa. Il comfort del pilota è garantito da polsini e colletto in mesh e caviglie in tessuto elasticizzato, per massimizzare la vestibilità della tuta. Infine, l’interno della tuta, realizzato in mesh traspirante e morbido, è totalmente staccabile e comodamente lavabile.

La tuta Alpinestars GP Tech Leather Suit è disponibile in taglie dalla 44 alla 60 ed è venduta al pubblico al prezzo di 1.599,95 euro. Ulteriori informazioni sui prodotti Alpinestars su www.alpinestars.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

giacomo-agostini-museo

Giacomo Agostini, la leggenda del motociclismo ha il suo museo 

Triumph Tiger 900
la media che sfida le maxi

BMW Big Boxer
Il motore del futuro che guarda al passato