BMW: spiata la R 1200 GS a liquido

In alcune foto spia spunta la nuova BMW R 1200 GS a liquido. Non arriverà però prima del 2013.

La notizia arriva da MCN e non è una grande novità visto che del nuovo motore Boxer raffreddato a liquido se ne parla ormai da parecchio tempo. Però la foto rubata apparsa sulla sempre ben informata rivista inglese è di quelle molto interessanti visto che mostra importanti novità tecnologiche su quello che per BMW è il motore più importante di sempre. Che arrivasse il raffreddamento a liquido sui boxer era più che logico e non tanto perché BMW debba rintuzzare gli attacchi della concorrenza (visto che la GS resta sempre e comunque una delle moto più vendute in europa e l’assoluta best seller della Casa dell’Elica) ma perché con le normative future (leggasi Euro 4) mantenere il raffreddamento ad aria su motori con certe potenze specifiche sarà molto difficile per non dire impossibile. Un passo dunque praticamente obbligato a cui sta lavorando anche Harley-Davidson (se ne è parlato anche in MotorBuzz) tanto per restare in tema e parlare di un altro marchio fortemente legato al raffreddamento ad aria dei suoi motori.Insomma dai cilindri a sventola delle BMW spariranno le alette ma a parte i classici aggiornamenti ciclistici (pinze radiali) ci sono anche altri spunti interessanti che si intravvedono dalla foto, come le teste ruotate in avanti di 90° con condotti di alimentazione e scarico verticali (una soluzione che farebbe bene anche alla Guzzi). In pratica l’alimentazione avviene da sopra (quindi con una cassa filtro presumibilmente piazzata sotto al serbatoio) e lo scarico esce da sotto anziché da davanti come è sempre stato nei motori Boxer BMW. Soluzione che fa guadagnare spazio prezioso per le gambe dietro ai cilindri. Che non si tratti dell’ennesimo aggiornamento del solito motore BMW appare chiaro anche dallo spostamento della trasmissione finale da destra a sinistra (con il silenziatore che fa il viaggio inverso). Sembra proprio che quando questo motore arriverà ci troveremo di fronte a qualcosa di completamente riprogettato, come fu l’arrivo del primo boxer quattro valvole montato, anche allora per la prima volta sulla GS.