Harley-Davidson Softail Breakout 2013

Dopo la meravigliosa versione CVO arriva la Breakout per tutti. Il prezzo di partenza è di 20.900 euro, per un modello che rappresenta l’essenza dello spirito Harley-Davidson. Il motore è il versatile 103 di 1.690 cc

L'abbiamo ammirata da settembre dello scorso anno in fotografia, e poi dal vivo ai saloni d'autunno: la Softail CVO Breakout, inserito nella gamma Custom Vehicle Operations, il vertice della produzione Harley-Davidson, ha stupito gli appassionati, con il suo look maestoso e allo stesso tempo essenziale. Come tutti i modelli CVO rimarrà un sogno per pochi, anche a causa del prezzo proibitivo: per tutti gli altri, però, arriva la Softail Breakout, un'insolita novità di primavera che rafforza l'offerta Harley nell'anno del 110° anniversario. Con prezzi a partire da 20.900 euro, la nuova Breakout monta l'ormai più che celebrato (e assai versatile) bicilindrico a V Twin Cam 103B da 1.690 cc, accreditato di 130 Nm di coppia a 3000 giri/min. Alimentato a iniezione elettronica, si avvale dell'acceleratore Ride-By-Wire, che permette di ottimizzare l'erogazione; la trasmissione è la Cruise Drive a 6 marce.

Adagiato sulla maestosa copertura posteriore da 240 mm di sezione, la Softail Breakout è, secondo i suoi stessi ideatori, l'essenza della motocicletta: “Con il modello Breakout siamo arrivati all'essenza della motocicletta, abbiamo cioè posto l'accento su motore, trasmissione e pneumatici”, ha dichiarato Kirk Rasmussen, styling manager Harley-Davidson. “Il motore nero e cromato diventa protagonista, mentre per massimizzare l'impatto degli pneumatici abbiamo optato per parafanghi corti. Il grande pneumatico ben in evidenza sottolinea inoltre ciò che volevamo comunicare: lo stile duro e muscoloso della Breakout.”

“I cerchi stile Gasser anni Sessanta e Settanta da drag racing sono sempre stati nei nostri cuori” continua Rasmussen. “I cerchi della Breakout sono liberamente ispirati a quelli classici, dotati di 10 raggi semicircolari. La speciale verniciatura a polvere nero lucido è stata rimossa su raggi alterni e sul bordo del cerchio per far risaltare l'alluminio sottostante. Per ribassare il profilo della Breakout abbiamo posizionato il tachimetro sui riser del manubrio,” dichiara Rasmussen, “e abbiamo completato il serbatoio carburante con una striscia di pelle nera a coprire la giunzione, oltre ad una cover cromata per nascondere i cablaggi. Il manubrio ha una nuova curvatura stile Drag, per offrire uno stile di guida più aggressivo.”

L'aspetto del telaio è quello delle hardtail, ma la sospensione posteriore c'è e si avvale di ammortizzatori con regolazione del precarico molla: sono posti sotto il telaio, paralleli al suolo. L'ABS è di serie. Tra le combinazioni di colore proposte per quest'anno citiamo Vivid Black, Big Blue Pearl ed Ember Red Sunglo.