Harley-Davidson Street Rod 2017: fuori gli artigli

10 marzo 2017 - 21:03

Il nome è lo stesso ma ora è tutta un’altra storia. A una dozzina d’anni di distanza nel listino ricompare l’Harley-Davidson Street Rod, anche se la genesi è completamente diversa rispetto all’antenata. Quella era una V-Rod stradalizzata, questa è una Street messa giù “da guerra” per allargare il bacino di potenziali clienti della entry level di Milwaukee.

Gli ingegneri statunitensi hanno lavorato a tutto campo, intervenendo sulla meccanica e sulla ciclistica. Il motore è battezzato ora High Output Revolution X 750 e l’incremento di potenza e di coppia promesso dal nome si può quantificare rispettivamente in un 20 e in un 10%. Questo risultato arriva grazie a nuove teste a quattro valvole con alberi a camme dal profilo più spinto, che garantiscono una curva di erogazione più ampia, con la zona rossa che si sposta in alto di 1000 giri. Le modifiche al telaio sono ancor più radicali: l’angolo del cannotto di sterzo passa da 32 a 27°, mentre la nuova forcella upside-down da 43 mm fa gioco di squadra con il forcellone allungato e con ammortizzatori dotati di serbatoio separato ed escursione maggiorata. Le ruote sono ora entrambe da 17 pollici, con gomme 120/70 e 160/60, e l’impianto frenante conta su un doppio disco anteriore da 300 mm, oltre che sull’ABS di serie.

Per permettere di sfruttare appieno tutte le potenzialità della ciclistica, che promette un incremento di circa 10° della capacità di piega, la posizione di guida cambia. Le nuove pedane in alluminio sono state arretrate e la sella è a 757 mm da terra. Inedito il manubrio, su cui sono piazzati specchi retrovisori che possono essere montati indifferentemente in posizione alta o bassa. La Harley-Davidson Street Rod 2017 è proposta in tre colori: Vivid Black, Charcoal Denim e Olive Gold, nel solco della filosofia DarkCustom.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trofeo KTM Enduro 2020 seconda gara

RSD Dakar GS – Una R 1200 GS dakariana by Roland Sands

Kawasaki Z900, Ninja 1000SX e Vulcan S 2021