Hevik, è arrivata la bella stagione

L’abbigliamento tecnico e la moda si incontrano nella collezione primavera/estate di Hevik. Dominano lo stile vintage e il tessuto jeans

23 aprile 2015 - 7:04

Dicono che il bello si vedrà nella collezione autunno/inverno, per la quale il laboratorio del marchio bresciano pare avere in serbo nuove e interessanti idee in tema di giacche a tre strati, ma per ora godiamoci la bella collezione primavera/estate di Hevik. Presentata presso lo studio del fotografo milanese Gianni Rizzotti, mostra idee chiare e un’apprezzabile capacità di coniugare le esigenze dell’abbigliamento tecnico e le tendenze della moda.

Per la bella stagione Hevik punta molto sullo stile “vintage”, tanto in voga tra i motociclistici, e sulla riscoperta del jeans. Come “Londra”, la giacca estiva in denim trattato con effetto stone wash e inserti in tessuto elasticizzato e fodera in mesh interna. Bella e alla moda la “Londra” ma dotata di tutte le protezioni CE di serie su spalle e gomiti, oltre alla predisposizione per alloggiare il paraschiena. Non mancano inserti riflettenti sulla schiena e due tasche superiori con bottoni.

Più sul genere high-tech la Down jacket Hevik, capo ultraleggero sia in versione uomo sia donna. Il logo Hevik sulla spalla è in reflex silver per una visibilità maggiorata.
Non manca un tocco glam con i dettagli a contrasto; giacca abbinabile al casco negli stessi colori per un total look urbano.

Molto originale e sempre in tessuto tessuto denim elasticizzato (misto pelle) il “Dakota”, guanto tecnico corto. Strizza l’occhio alla moda anche Ultralight – HTR106, giacca 100% impermeabile, con cuciture termonastrate e materiale antivento e antiacqua. In dotazione questa giacca ha anche un’apposita busta per riporla nel sottosella.

Il nuovo catalogo è ricco di caschi, giacche tecniche, gilet e molto altro. Insomma è davvero completo e tutto da “sfogliare”. Su www.hevik.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KSR Group, un mondo a due ruote

Kawasaki Z H2, la prima nuda supercharged

Marc Marquez e il volo di Buriram nei numeri di Alpinestars