Honda CBR600RR 2013

La nuova versione della sportiva Honda punta sulla ciclistica migliorata e sull’estetica, completamente inedita. Migliorie anche per il motore, dall’erogazione ancora più progressiva.

La CBR600RR, icona sportiva della più grande Casa del mondo, si prepara al 2013 introducendo numerose novità di carattere tecnico ed estetico. Le innovazioni più significative sono concentrate, infatti, sulla ciclistica e sul design. 

Ciclistica: la forcella è ora la Showa BPF (Big Piston Fork), una unità già molto apprezzata su modelli della concorrenza (Kawasaki ZX-6R) e direttamente in casa Honda sulla CBR1000RR. La BPF migliora l'assetto in compressione, grazie all'efficace controllo su questa importante fase dinamica; di conseguenza dovrebbe contribuire a ottenere un comportamento in staccata più efficace. Interventi anche sul monoammortizzatore, di cui è stata migliorata la scorrevolezza grazie all'adozione di nuovi componenti interni. Il telaio presenta una differente distribuzione dei pesi per via dell'affinato procedimento di pressofusione fine del telaio stesso. Nuovi anche i cerchi a 12 razze, anch'essi pressofusi. L'impianto frenante monta dischi flottanti da 310 mm di diametro con pinze a quattro pistoncini e attacco radiale; il C-ABS è optional. Confermato, infine, l'ammortizzatore di sterzo HESD (Honda Electronic Steering Damper).

Il design compie un deciso passo avanti grazie al frontale dinamico e decisamente ben riuscito, con la  presa d'aria centrale posta tra i due elementi che compongono il gruppo ottico. Honda dichiara un Cx (coefficiente di penetrazione aerodinamica) del 6,5% con il pilota nella normale posizione di guida e del 5% in posizione di massima velocità. 

Invariati i dati di potenza e coppia, rispettivamente 120 cv a 13500 giri e 66 Nm a 11250; gli interventi si sono concentrati sul miglioramento della fluidità di erogazione, attraverso una nuova mappatura di iniezione. 

Tre le colorazioni: Tricolour Vibrant Orange (Repsol Replica) – anche per C-ABS